Per i golosi torna Agrogepaciok

Lecce. Dal 12 al 16 ottobre nel centro fieristico di piazza Palio torna la fiera della gelateria, pasticceria, ristorazione e pizzeria.

Lecce. Fervono i preparativi per l’ottava edizione di Agrogepaciok, Salone nazionale della gelateria, pasticceria, cioccolateria e dell’artigianato agroalimentare, in programma a Lecce dal 12 al 16 ottobre nel centro fieristico di piazza Palio. Promosso da Camera di Commercio, Confartigianato Imprese, Confcommercio, Confesercenti, Cna, UnionAlimentari Confapi e Coldiretti di Lecce, il Salone è organizzato dall’agenzia Eventi Marketing & Communication con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Regione Puglia, UnionCamere Puglia, Provincia di Lecce, Comune di Lecce, Corpo Consolare Puglia Basilicata Molise e con l’attiva collaborazione delle associazioni di pasticceri, panificatori e pizzaioli salentini aderenti a Confartigianato Imprese e dell’associazione Cuochi Salentini di Confcommercio Lecce. Il prestigio e l’importanza della fiera – seconda a livello nazionale solo al Sigep di Rimini – sono riconfermati dalla presenza di numerosi espositori provenienti da tutta Italia che presenteranno ad Agrogepaciok le novità più interessanti riguardo a materie prime, impianti ed attrezzature, arredamento e servizi per la gelateria, pasticceria, ristorazione, pizzeria e panificazione artigianali. Tra le novità più attese dell’edizione 2013, c’è il contest “Il Surrealismo di Dalì”, ideato da Cake Design Lab Bello è Buono, il primo in Italia ad avere come protagonisti coppie formate da una cake designer e da un pasticciere. I vincitori avranno accesso diretto, senza selezioni, al contest in programma al Sigep di Rimini 2014. Dopo il grande successo registrato nella scorsa edizione, torna il Cake design lab, che quest’anno diventa “Cake design lab Bello è buono” con tanti corsi e workshop tenuti da noti professionisti nel mondo del cake design.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!