Federalismo: De Feudis (IDV) “Puglia penalizzata? Diventi una no tax region”

Sebastiano De Feudis, segretario regionale dell'Italia dei Valori Puglia, propone che la Puglia diventi una 'no tax region'

“Nel tentativo di mantenere in vita un governo nazionale agonizzante, il Presidente Berlusconi ha dichiarato di voler approvare il federalismo entro Natale, per compiacere e stringere a sé l'alleato leghista. Un alleato, l'unico che appare fedele fino alla morte, che sin dall'insediamento di questo governo ha spostato la bilancia delle politiche nazionali penalizzando fortemente il sud”. A dichiararlo l'avv. Sebastiano De Feudis, segretario regionale dell'Italia dei Valori Puglia. “Se, come alcuni esperti prevedono, l'approvazione del federalismo così com'è, procurerebbe una riduzione di fondi alla nostra regione di 650mln di euro, allora l'obiettivo è assolutamente chiaro ed è evidentemente politico. Vogliamo tuttavia essere propositivi – prosegue il segretario IdV – lanciando l'idea di una 'no tax region' per la Puglia che ci scrolli di dosso gli ultimi residui di assistenzialismo e permetta un rilancio del tessuto economico regionale attraverso investimenti esteri”. “Nella nostra regione troppo spesso – prosegue De Feudis – le imprese nate con fondi pubblici sono durate il tempo degli incentivi, si sono espanse grazie alle risorse e sono implose laddove i finanziamenti si esaurivano. Spesso è accaduto per congiunture economiche negative, per situazioni di mercato sfavorevoli, ma, è evidente, non sono mancati i casi in le imprese sono nate per drenare risorse e sono morte con le linee di finanziamento. Lasciando sul terreno gravi situazioni occupazionali e sociali”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!