Studenti contro

Bari. Si concluderà oggi la tre giorni di mobilitazione degli studenti pugliesi, blitz dimostrativi nella notte nelle fermata d'autobus dei capoluoghi

Bari. Continua la mobilitazione degli studenti pugliesi. La seconda giornata è stata dedicata ai trasporti: nella notte i ragazzi hanno effettuato dei blitz dimostrativi alle fermate degli autobus di Bari, Foggia, Lecce, Taranto e Brindisi e altri paesi delle provincie. In più nella prima mattinata gli studenti, nelle stesse città, hanno fatto volantinaggi informativi alle fermate degli autobus e nei pressi delle stazioni. Qualche settimana fa vi è stato, infatti, un aumento del 7% su tutte le tratte regionali e locali. Questo è dovuto agli adeguamenti ISTAT, che annualmente rimodulano il costo dei trasporti. “Per quanto non si possa intervenire direttamente su questi aumenti,” -dichiara Francesco Pagliarulo, coordinatore della Rete della Conoscenza Puglia- “riteniamo opportuno che la Regione si impegni per costruire agevolazioni sul costo dei trasporti per tutte le fasce più deboli della popolazione e che vengano integrate le tariffe delle tratte su rotaia e su gomma con l'istituzione del biglietto unico regionale.” La mobilitazione non si ferma qui, oggi, infatti nell'ultima giornata ci saranno assemblee pubbliche nelle piazze pugliesi per discutere delle manifestazioni nazionali dell'11 ottobre e del 12 ottobre. A Bari l'assemblea si terrà alle 17.00 in Piazza Cesare Battisti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!