Tangenziale. Ad ottobre la prima pietra

Dopo tanto parlare, iniziano i lavori per la tangenziale

Il primo tratto ad essere cantierizzato sarà quello tra la strada per Taurisano e la via vecchia per Taviano (zona “Vora”). Sembra terminato il lungo dibattito sulla necessità della tangenziale di Casarano. I cui lavori dovrebbero iniziare tra ottobre e novembre prossimi

“La prima pietra della Tangenziale di Casarano? Sarà posta tra ottobre e novembre”. La previsione è del sindaco, Remigio Venuti, rispondendo a diverse interrogazioni nelle ultime due sessioni del consiglio comunale. Nonostante le previsioni sui tempi di inizio dei lavori dell’importante opera pubblica siano state finora tutte disattese, il primo cittadino non si è tirato indietro e si è spinto a rischiare l’ennesima ipotesi. Stavolta, però, c’è la novità che la giunta provinciale, la scorsa settimana, ha approvato il progetto definitivo della nuova circonvallazione e, quindi, per rispettare l’ultima previsione basterebbe attendere i tempi per svolgere la relativa gara di appalto. Comune di Casarano e Provincia di Lecce hanno già deciso che il primo tratto da cantierizzare sarà quello tra la strada per Taurisano e la via vecchia per Taviano (zona “Vora”). Le due amministrazioni avevano anche trovato l’accordo per deviare il tracciato proprio in contrada “Vora”, in modo da salvaguardare un fondo in cui sono presenti diverse piante d’olivo secolari. Ma il dibattito sulla Tangenziale è rimasto particolarmente vivace anche per i problemi relativi all’impatto ambientale che l’opera provocherà. Difatti, il tratto che si dovrà costruire in contrada “Specchie di Vaje” (più o meno nella zona del cimitero) è previsto in terrapieno, a causa del notevole dislivello. Una soluzione che i Verdi di Casarano hanno fortemente contestato, suggerendo l’alternativa “meno invasiva” del viadotto. Rispondendo all’ennesima interrogazione di Leda Schirinzi, il sindaco ha risposto che la questione non riguarda il tratto che sta per essere catierizzato, rimandando il discorso a data da destinarsi. “Le risorse a disposizione della Provincia – ha affermato Venuti – partendo dal tratto che inizia dalla via per Taurisano, permettono di giungere alla via vecchia per Taviano. La questione sollevata dai Verdi riguarda, invece, il tratto successivo, che oggi non è in discussione”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!