Salvemini: “Il Palafiere è stato un intervento sbagliato”

“L’area di Piazza Palio, scrive il l’esponente di Lecce Bene Comune, è in un clamoroso ritardo”

Lecce. L'idea è di una Città Privata su spazio pubblico. A denunciarlo è Carlo Salvemini riferendosi alla questione di Piazza Palio a Lecce, scrive Salvemini: “l'area di Piazzo Palio è ancora inibita all'uso pubblico, e nonostante l'applicazione delle penalità per il clamoroso ritardo accumulato, è tutto pronto per inaugurare a ottobre la prossima fiera, per la soddisfazione del concessionario. Per quello dei cittadini non è ancora tempo”. Nei giorni scorsi intervenendo sull'argomento l'assessore ai LL.PP Messuti si espresse così continua: “Salvemini è incappato in un autogol: gli suggerisco di approfondire l’autentico significato e i reali obiettivi del project financing, classico esempio efficace ed efficiente di iniziativa privata e imprenditoriale”. “Quello del PalaFiere, dice il leader di Lecce Bene Comune, è stato un intervento sbagliato, andato in tutt'altra direzione: una convenzione troppo sbilanciata verso gli interessi del concessionario, di durata trentennale, con inadeguati ritorni per la città; un progetto slegato dal contesto urbanistico”. “Per avere idea, conclude, di quanto approssimativa e sconclusionata sia stata la progettazione di quello spazio basti dire che la ragione dell'ultima proroga accordata era legata ad un una proposta di variante (bocciata) presentata da Lecce Fiere srl finalizzata alla realizzazione di un ristorante all'interno dell'area”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!