Salute femminile e plurale

Nascono in Puglia gli sportelli di medicina per immigrati e le fattorie sociali, con un forte orientamento 'di genere'

Nasce una rete di sportelli di “medicina di genere” e di orientamento sanitario rivolto agli stranieri per la tutela del diritto alla salute. È il risultato del protocollo d’intesa tra l’Associazione di prevenzione oncologica Apo Puglia e l’Associazione Mediazione Inter-Culturale e In-forma-immigrati (Amici), presentato ieri nel padiglione del Consiglio regionale della Puglia (stand 152 bis della Fiera del Levante). L’iniziativa rientra nel Progetto “Salute: Femminile, Plurale”: gli sportelli rappresentano una nuova e più specifica risposta degli ambulatori di prevenzione Apo ai bisogni del territorio rispetto all’inclusione sociosanitaria delle fasce deboli della popolazione. Il progetto – hanno spiegato i promotori – ha come obiettivo centrale la salute, declinata secondo un approccio di genere, dunque femminile, e garantita verso una popolazione multietnica, policulturale e plurilingue, cioè plurale. Gli sportelli offriranno servizi e consulenze sulle patologie che colpiscono maggiormente la popolazione femminile e promuoveranno la medicina di genere, con le sue peculiarità, non solo da un punto di vista anatomo-fisiologico, ma anche biologico, psicologico, sociale e culturale. Nello stesso spazio, nel pomeriggio, è stato presentato il Report finale del progetto Sostegno Estate 2013 alla piccola Fattoria Sociale “Lena Lauriola”, a cura dell’associazione Angeli della vita. Dal 2012 le attività dell’associazione, che ha sede a Giovinazzo, si indirizzano nello sperimentare e mettere in pratica “terapie alternative” per le persone in situazioni di disagio, come l’avvicinamento agli animali e l’ortoterapia. La scorsa estate, invece, Angeli della vita ha promosso i “salotti alternativi” e “gruppi di condivisione”, in collaborazione con il Dipartimento Dipendenze patologiche della Asl di Bari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!