Terme e benessere: il paradiso pugliese

Bari. Presso la fiera del Levante, nel padiglione “Puglia una regione per star bene” in mostra la lista delle oasi del relax

Abbinare al puro ristoro la scoperta di un territorio e delle sue peculiarità storico-artistiche e paesaggistiche. In Puglia si può. Pregiate da un panorama indiscutibile, le fonti termali elencate di seguito rappresentano le eccellenze pugliesi. Strutture all'avanguardia, attrezzate e competitive, dotate di acque ricche di oligoelementi che scaturiscono in alcuni casi da grotte sottomarine, per poi essere incanalate verso i complessi termali dove sono impiegate come fangoterapia e balneoterapia curativa. Terme Castelnuovo Daunia Il centro termale di Castelnuovo della Daunia, grazie alla preziosa presenza dell’acqua minerale termale di cui è ricco il territorio circostante, in un complesso ampio e moderno con piscine, bagni termali e palestra, offre un’ampia gamma di trattamenti di benessere, che comprende massaggi, aerosol, fanghi, fisioterapia. Il Centro termale è attivo per la cura di malattie del naso, della gola e dell’orecchio, di malattie dell’apparato digerente, dermatologiche, ginecologiche, reumatiche e della locomozione. Terme Torre Canne Le Terme di Torre Canne sono uno dei più prestigiosi ed attrezzati complessi termali della Puglia. Sono infatti dotate di una modernissima attrezzatura e di un’èquipe medica qualificata. Offrono numerosi servizi e programmi di cura quali fangoterapia, fango balneoterapia, cure inalatorie, cure ginecologiche, cure angiologiche, cure per la sordità rinogena, riabilitazione motoria e ginnastica medica di gruppo (tutte convenzionate con il Sistema Sanitario Nazionale). Si praticano inoltre idrokinesiterapia, idromassoterapia e fisioterapia. Terme Santa Cesarea Le acque di Santa Cesarea Terme appartengono al gruppo delle Salso – bromo – iodiche – solfuree – e rappresentano un patrimonio naturale tra i più importanti nell’idrologia media perché estremamente attive dal punto di vista terapeutico. Centro di cura e soggiorno frequentato sin dagli inizi del secolo, Santa Cesarea Terme oggi è entrata di diritto nel novero delle stazioni termali e turistiche del sud più attrezzate e competitive. La società termale, in questi ultimi anni si è indirizzata verso scelte di qualificazione nel campo scientifico e strutturale: conta già da qualche anno sulla collaborazione con alcune università ed istituti di ricerca che hanno orientato le scelte innovative della stazione termale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!