Innomat meetings: l'innovazione parla pugliese

Dal 26 al 28 maggio 2014 si terrà a Bari la prima convention dedicata ai settori dell'aerospazio, materiali innovativi, nautica da diporto e meccatronica. GUARDA I VIDEO

Bari in excelsis. Prescelta location per la prima convention dedicata ai materiali innovativi. La calca era quella dei grandi eventi. Per contenuti altamente originali. Ha macinato consensi e approvazioni la presentazione in anteprima presso la fiera del Levante, nel padiglione della regione Puglia, della prima convention dedicata ai settori dell'aerospazio, materiali innovativi, nautica da diporto e meccatronica, in programma per il prossimo maggio, dal 26 al 28. “La fiera del Levante non è solo campionaria ma promozione delle eccellenze e innovazione”, con questa premessa il presidente della Fiera del Levante, Ugo Patroni Griffi, ha introdotto l'evento in programma per il prossimo maggio in partnership con la Francia. “La fiera generalista non regge più al mercato. Bisogna individuare momenti in cui si è soli a promuovere e attirare a sé il resto del mondo”, ha continuato Patroni Griffi. Parigi e Bari si alleano. Flirtano le due città, per accompagnare con mano in terra barese un evento senza precedenti. Loredana Capone, assessora allo Sviluppo economico, traccia la linea strategica che sottende questo evento: “In Francia saremmo stati incapaci a realizzare una manifestazione del genere. Quindi abbiamo deciso di promuoverlo in Puglia”, ha riferito Stéphane Castet, amministratore delegato di Advanced Business Events, azienda organizzatrice dell'evento. “Nel 2014 ci sarà qui un evento dalla risonanza europea, per posizionare la Puglia tra i territori qualificati su questo segmento. L'obiettivo é quello di organizzare questa convention ogni due anni, sempre in Puglia. Non si tratta di una convenzione internazionale della Puglia, ma una convenzione internazionale in Puglia. L'idea é quella di aggregare 250 imprese da tutta Europa per discutere di materiali innovativi”. “Vogliamo puntare sul massimo coinvolgimento degli attori in Puglia e fuori da questa regione” – ha proseguito Castet (che ha parlato in francesce con traduzione simultanea) – “Ma la nostra non sarà una fiera tradizionale non ci saranno vetrine, né show. I tre pilastri della convention saranno: la tecnologia attraverso workshop tematici; i business meeting per collaborazioni industriali e commerciali; gli appuntamenti b2b (business to business) in piccoli spazi con proiezioni di attività delle imprese”. Anche il presidente Nichi Vendola sembra molto soddisfatto: “È una sorpresa apprendere della cadenza biennale dell’evento. La regione Puglia sta provando ad investire sui materiali innovativi per dare boccate di ossigeno alle imprese. Perché non c'è distretto che non tenga conto dei materiali innovativi o che non investa sugli stessi. In più il commercio e il rapporto con gli altri stati aiuta le nostre imprese ad essere competitive”, ha aggiunto il presidente della Regione. “L'aereospaziale pugliese è un dei cinque distretti d'Italia che meglio stanno reagendo alla crisi. Siamo solo al inizio di quella che sarà una grande rivoluzione tecnologico scientifica. Fare qui la più importante fiera di b2b, una borsa d'affari è una gratificazione delle nostre imprese, ma anche uno stimolo a far camminare tutti gli attori del sistema verso questi orizzonti. Il lavoro del futuro non nascerà da generiche richieste di sviluppo del mercato del lavoro, non sgorgherà in automatico, ma sarà il frutto della capacità di scuotere l'albero della pigrizia di tutti gli attori fondamentali”, ha chiuso Vendola.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!