Tragedia sul lavoro. Operaio muore folgorato

Lecce. Claudio De Pascalis avrebbe toccato un cavo elettrico convinto che fosse un cavo telefonico. La scarica elettrica l’ha fatto precipitare di 6 metri

LECCE – Una scarica elettrica l’ha fatto precipitare giù dalla scala. Cioè da un’altezza di circa 6 metri. Il tonfo è stato sordo. Le conseguenze, le più drammatiche. E’ morto pochi minuti dopo Claudio De Pascalis, 34 anni, di Monteroni, operaio impegnato nella sistemazione di un tubo pluviale sul muro esterno di un’abitazione in viale Grassi, tra l’incrocio per Monteroni e via Vecchia Carmiano. La tragedia si è consumata attorno alle 21.30. L’ennesima tragedia sul lavoro. Dalle prime ricostruzioni effettuate, sembra che l’uomo abbia toccato un cavo elettrico convinto che si trattasse di un cavo telefonico. La scossa lo avrebbe folgorato e gli avrebbe fatto perdere l’equilibrio scaraventandolo giù dalla scala. A poco è servito l’arrivo repentino del personale medico il quale non ha potuto fare altro che constatare l’avvenuto decesso dell’uomo. Vigili del fuoco e tecnici dell’Enel sono intervenuti per mettere in sicurezza la casa per la quale è stato disposto il sequestro. La polizia scientifica ha effettuato i necessari rilievi per ricostruire i fatti con maggiore precisione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment