Lecce Carica la Pace: la marcia dei ragazzi dell'AC

Appuntamento oggi, per un festoso corteo nelle vie di Lecce per una marcia festosa a conclusione del mese che l’Azione Cattolica dedica alla pace

Sul tema “Carica la Pace”, migliaia di bambini e ragazzi provenienti dalle parrocchie della diocesi si ritroveranno oggi a Lecce, per una marcia festosa a conclusione del mese che l’Azione Cattolica dedica alla pace. Appuntamento dunque oggi, alle ore 16, presso la parrocchia di san Giovanni Maria Vianney, dedicata al santo curato d’Ars che ha ispirato l’”Anno Sacerdotale” indetto da Papa Benedetto XVI. Poi una lunga, animata e colorata marcia che coinvolgerà le vie del centro cittadino, e si concluderà, alle 18 circa, in piazza S. Oronzo, alla presenza dell’Arcivescovo di Lecce, S.E. Mons. Domenico Umberto D’Ambrosio e del presidente diocesano dell’AC, dott. Massimo Vergari. L’iniziativa è curata e realizzata dall’equipe dell’Azione Cattolica dei ragazzi dell’arcidiocesi di Lecce, e vedrà la partecipazione di tantissimi giovani educatori, delle famiglie dei piccoli e dei tanti soci che condivideranno programma e ideali. Giocando sul doppio significato del verbo “caricare”, lo slogan richiama il gadget del Mese della Pace, una chiavetta USB su cui i ragazzi potranno “caricare” file di pace e scambiarseli in maniera veloce e semplice. La comunicazione, infatti, declinata dal tema “Siamo in Onda”, è l’asse portante della proposta formativa riservata agli acierrini di tutta Italia in questo anno associativo. Ogni ragazzo porterà con sé un microfono portatile, “per dare l’idea che ogni accierrino è uno speaker di pace”. Ogni gruppo parrocchiale, invece, sarà riconosciuto con uno stendardo a forma di CD, personalizzato con messaggi o “tracce di pace”. In più, tanti palloncini colorati, che saranno liberati durante l’incontro con l’Arcivescovo. La marcia della pace, come avviene da circa un decennio, è anche solidarietà. Ogni gruppo parteciperà con un salvadanaio alla raccolta di fondi dell’ACR nazionale, che serviranno per sostenere il progetto di un grande centro di educazione per bambini a Betlemme, curato dalla CAB (Catholic Action di Betlemme), in una logica di collaborazione “educativa” a sostegno dei piccoli abitanti della Terra Santa. Per informazioni www.azionecattolicalecce.it.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!