Atmosfera d’oltralpe alla fiera del Levante

Bari. Il padiglione 96 sarà dedicato alla Francia, solida istituzione della cultura gastronomica. A spasso tra formaggi, salumi e anche artigianato

Il meglio della Francia in vetrina alla fiera del Levante. Oltre a “buttare gli occhi” sulla campionaria barese, i francesi mettono in mostra la loro “cousine”. E non solo. Fino a domenica 22 settembre il pubblico della fiera potrà acquistare prodotti transalpini, dalle specialità enogastronomiche all’artigianato tipico. Per immergersi nell’atmosfera chic d’oltralpe, in un mix di stile, gusto e raffinatezza. Attingendo nuovi spunti dall’autenticità dei sapori più rappresentativi dell’esagono francese. Nella fiera cosmopolita barese sarà il padiglione 96, vicino all'ingresso principale, ad ospitare la Francia, con la sua solida istituzione della cultura gastronomica. Uno stand che mangerà, vestirà e parlerà con la erre moscia, in un mélange di odori e colori. Premiando la razionalità organizzativa e l’estrema cura nella scelta delle materie prime, tutta francese. Una cornice abbastanza insolita per una settimana barese. Mentre nell’aria si dipanerà un odore di croissant. A spasso tra salumi e formaggi tipici (la Francia possiede oltre trecento varietà di formaggi), spezie, conserve artigianali, concentrati e creme di frutta, biscotti artigianali, senza dimenticare i prodotti che più caratterizzano la Francia oltre confine, come il foie gras e le crêpes. Il fascino del buon cibo francese scende in campo sfidando l’Italia. Perché Francia e Italia hanno in comune il privilegio di apparire agli occhi del mondo due velieri inaffondabili dell'arte culinaria. Accanto ai sapori, le esposizioni riguarderanno produzioni artigianali dal valore radicato francese, frutto di un lavoro fait-main sinonimo di passione e creatività. Risultato di quell’estro che armonizza tradizione e creatività: bijoux, decorazioni in cristallo, accessori per la moda, gioielli in foglie e fiori naturali lavorati, oli essenziali al gusto di lavanda, un’ampia varietà di sapone di Marsiglia, la lavanda e i tessuti provenzali attireranno l’attenzione dei numerosi visitatori. Compris?

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!