Moriero: già ultima spiaggia?

La partenza del Lecce è stata pessima ma il tecnico giallorosso suona la carica e sprona i suoi giocatori ad uno scatto d'orgoglio oggi contro il Benevento

ph: Giovanni Evangelista Una partenza così negativa per il Lecce di Checco Moriero non se l'aspettava proprio nessuno. Ma il tecnico ha mostrato ieri tutta la sua fiducia nella suqadra: “In questa settimana – ha dichiarato Moriero – ho parlato molto con i ragazzi e ho avuto dei segnali positivi, ho visto in loro voglia di rivincita, come del resto ho io. Sulla formazione che scenderà in campo domani ho dei dubbi e questo significa che i ragazzi hanno fatto bene in settimana. Domani ci misureremo contro il Benevento, una delle favorite di questo campionato, dovremo fare una grande gara, una partita perfetta. Stiamo crescendo sotto tutti i punti di vista, ci vuole tempo. Rispetteremo il nostro avversario, ma sicuramente non avremo paura. In questo torneo non c’è una squadra ammazza campionato, ho detto ai calciatori che quando saremo al 100% saremo una squadra molto forte, però, ci vuole sempre umiltà, bisogna stare compatti ed uniti. Per vincere le partite non basta il nome, ci vuole umiltà da parte di tutti per essere competitivi. Bisogna mettersi in testa che questo è un campionato duro e lungo e ci vuole gente che corra. Quello che non voglio più vedere è l’atteggiamento avuto domenica scorsa contro L’Aquila, voglio che in campo ci sia una squadra che dia sempre il massimo.” Moriero, ex ala tornante del Lecce degli “anni d'oro”, ha convocato per la partita di oggi contro il Benevento 21 calciatori: PORTIERI: Bleve, Perucchini DIFENSORI: Bencivenga, D'Ambrosio, Ferrero, Martinez, Nunzella, Sales, Vinetot CENTROCAMPISTI: Amodio, Bellazzini, Bogliacino, Melara, Monaco, Parfait, Salvi ATTACCANTI: Beretta, Doumbia, Ferreira Pinto, Miccoli, Zigoni La terza giornata di Lega Pro 1° Divisione – girone Bsi giocherà a partire dalle ore 15.00.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!