Mons. Fernando Filograna, pastore della Chiesa universale

Lecce. In piazza Duomo la solenne concelebrazione eucaristica per l’ordinazione episcopale presieduta dall’arcivescovo metropolita Mons.Domenico Umberto D’Ambrosio

“Omnia in bonum” sarà il motto episcopale di Mons. Fernando Filograna, vescovo eletto di Nardò-Gallipoli, che oggi pomeriggio riceverà l’ordinazione in piazza Duomo a Lecce. Alle ore 17:30 avrà inizio la solenne concelebrazione eucaristica presieduta dall’arcivescovo metropolita di Lecce, Mons. Domenico Umberto D’Ambrosio, che consacrerà il nuovo pastore della Chiesa universale. Co-consacranti saranno il Nunzio apostolico in Italia, Mons. Adriano Bernardini, e il vescovo di Otranto, Mons. Donato Negro. Parteciperanno al sacro rito, nella festa liturgica dell’Esaltazione della Santa Croce, il cardinale Fernando Filoni, prefetto della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli e il cardinale Salvatore De Giorgi, arcivescovo emerito di Palermo. Alla concelebrazione prenderanno parte circa quindici vescovi ed arcivescovi ed oltre duecento sacerdoti. Tante le autorità che hanno annunciato la partecipazione, oltre ai numerosi i fedeli delle diocesi di Lecce e di Nardò-Gallipoli. Preghiera e riflessione hanno caratterizzato la preparazione all’ordinazione episcopale di mons. Fernando Filograna, che nei giorni è stato ricevuto da Papa Francesco insieme all’arcivescovo D’Ambrosio. “Alla vigilia di grandi eventi – ha spiegato mons. Filograna in un’intervista rilasciata al settimanale diocesano L’Ora del Salento – si sente molto la trepidazione e il bisogno di silenzio e di affidarsi al Signore. Ho scelto l’eremo francescano di La Verna per dedicarmi al raccoglimento e al dialogo col Signore, ma anche per percepire la mia piccolezza di fronte alla bellezza e immensità del creato e di fronte ai grandi santi come S. Francesco”. “Non credo che ora il Signore mi chiede di staccarmi da questa storia – ha continuato il vescovo eletto -, perché ormai è parte di me, la porto con me, ma desidera che questa ricchezza di esperienza alimenti la ‘Comunione dei Santi’ che unisce tutti e rende preziosa la nostra vita. Mi sentirò sempre unito alla chiesa di Lecce che mi ha generato alla fede e al sacerdozio, mi sentirò unito a tutte le persone, sacerdoti e laici, che sono stati strumenti di Dio, farò riferimento a mons. Domenico D’Ambrosio, Pastore della Diocesi, che è stato per me molto importante in questi ultimi anni di vita sacerdotale”. “Cercherò di sintonizzarmi, di tenere il ‘passo’ che la chiesa di Nardò Gallipoli già tiene: continuità e fedeltà al progetto di Dio, alla nostra vocazione, nella speranza di amare Cristo e la Chiesa con un amore sempre più forte, per contagiarlo a tante anime che si sono allontanate: conto molto sulla collaborazione dei presbiteri, che vivendo in comunione e in intensità il ministero sacerdotale, possono lievitare una forza liberante, quel soffio nuovo, profumato, che attendono molti e che possiamo vicendevolmente regalarci”. Il solenne inizio del ministero episcopale nella sede di Nardò-Gallipoli del vescovo Filograna è previsto per sabato 28 settembre 2013 (nel pomeriggio, a Nardò). Domenica 6 ottobre 2013 (nel pomeriggio) prima celebrazione eucaristica nella Concattedrale S.Agata in Gallipoli. Copertura mediatica Il sacro rito dell’ordinazione episcopale sarà trasmesso da Tele Onda, sul canale 90 del digitale terrestre. Su internet, sarà diffuso in diretta streaming su www.eventimagazine.it. L’Ora del Salento, settimanale diocesano della Chiesa di Lecce, ha predisposto ampi speciali sull’argomento, consultabili anche sul sito www.loradelsalento.it. Anche il portale diocesano www.diocesilecce.org dedica ampio spazio all’ordinazione episcopale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!