La Puglia sperimenta

Bari. Biglietto elettronico per il padiglione 'Puglia, una regione per star bene'

di Marina Dimattina La Regione Puglia aguzza l’ingegno. E tira fuori dal cilindro il biglietto elettronico. Tra la vasta gamma dei padiglioni espositivi, la 77esima edizione della fiera del Levante apre le porte a “Puglia, una regione per star bene”. Uno stand ideato per offrire workshop, seminari, conferenze stampa e convegni, a cura della regione Puglia, il cui calendario è in continuo aggiornamento. La registrazione ai numerosi eventi programmati all’interno di “Puglia, una regione per star bene” può avvenire secondo due modalità. Entrambe da completare entro le ore 24:00 del giorno precedente alla data prevista per l'evento. L’”equazione” in entrambi i casi è molto semplice. A scelta, l’utente può decidere di ottenere l'accreditamento attraverso la compilazione di un modulo sul portale www.sistema.puglia.it, inserendo i dati personali e l'indicazione dell'evento di interesse selezionato tra quelli in programma. Al termine della procedura sarà possibile stampare una ricevuta da presentare assieme al documento di riconoscimento, il giorno dell'evento scelto, al desk della Regione Puglia, sito in Fiera del Levante, via “Giuseppe Verdi”. All’ingresso sarà verificata l'avvenuta registrazione. La ricevuta è strettamente personale e può essere utilizzata per un solo ingresso. Alla classica registrazione si aggiunge una nuova modalità: il biglietto elettronico. Un sms identificativo ricevuto sul proprio telefono cellulare. Lo schema è cadenzato: l’utente compila la registrazione ad uno o più eventi su Sistema Puglia; Sistema Puglia genera il biglietto in pdf e lo rende sempre disponibile per la stampa nella sessione di lavoro dell’utente. Sistema Puglia invierà, inoltre, su richiesta dell’utente e via SMS gli estremi della registrazione (dati utente + dati evento). In questa ipotesi la stampa non sarà obbligatoria, poiché sarà sufficiente presentare all’ingresso il consueto documento di identità, e mostrare l’SMS gelosamente custodito sul proprio telefonino.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!