Barion a gonfie vele anche coi cadetti

Ugento. Ottimi risultati dei giovani canottieri che partiranno presto per il Meeting di Cervia. Movimento in forte crescita

Si sono fatti valere anche ad Ugento, i cinque Cadetti del Circolo Canottieri Barion impegnati nel campionato zonale di vela. Sul podio è salito Matteo Catalano, forte del terzo posto conquistato, mentre appena fuori si sono piazzati Matteo Coco (quinto) e Salvatore Novembrini (sesto). Sempre ragguardevole, intanto, il rendimento dei 2004, considerati il primo piazzamento di Diego Campanale ed il secondo di Simone Soglia. La manifestazione salentina ha salutato anche la partecipazione degli Juniores, che ha visto il circolo del presidente Muciaccia ben rappresentato da Samuele Violino (nono), Cristina Di Palma (undicesima) e Federica Catalano (quattordicesima). Il prossimo weekend sarà di nuovo tempo di gare, in Romagna, con il Meeting Giovanile classe Optimist di Cervia: fra i circa trecento giovanissimi timonieri in gara ci saranno anche i cinque Cadetti (nati dal 2002 al 2004) allenati da Emanuela Cazzaniga: “Si tratta di una manifestazione cui il Barion ha sempre partecipato con grande piacere, e non solo per i buoni risultati ottenuti – osserva l'allenatrice – E' importante, per la crescita dei ragazzi, non farsi sfuggire le occasioni di confronto a livello nazionale e l'appuntamento di Cervia è senz'altro uno dei più stimolanti, sopratutto in vista della partecipazione alle fasi nazionali del campionato zonale in programma a settembre”. Completati, intanto, presso la sede sociale di molo San Nicola, i corsi estivi che per quattro settimane hanno visto impegnati trenta aspiranti velisti dai 6 ai 10 anni: “Nonostante il clima non propriamente estivo dei primi giorni, i bambini si sono divertiti a “giocare ad andare a vela”, emulando gli agonisti che all'impegno dei loro abituali allenamenti hanno aggiunto quello di far da tutor ai più piccoli, ogni mattina – rimarca Emanuela Cazzaniga – Giochi, bagni, divertimento, e quasi senza accorgersene hanno imparato ad andare a vela”. Per alcuni di loro, il prossimo appuntamento potrebbe essere già a settembre, per ingrossare la squadra di giovanissimi velisti in forza al Barion.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!