Cmcc e il supercomputer Athena. Da copertina

Lecce. La nota rivista scientifica “Wired” dedica la storia di copertina alla tecnologia utilizzata presso il laboratorio salentino di studio sul clima

LECCE – Salentini da copertina. La nota rivista “Wired”, da anni punto di riferimento per chi è interessato a come la tecnologia e l’innovazione riescano ad influenzare la società, la cultura, l’economia e la politica, ha dedicato la storia di copertina dell’ultimo numero (luglio 2013, da pochi giorni in edicola e in libreria) ad Athena, il supercalcolatore che rappresenta il cuore del Supercomputing Center del CMCC a Lecce. Nell’articolo di Nicola Nosengo, corredato dalle foto di Mattia Balsamini, si discute di come la ricerca sul clima sia una scienza di frontiera e sempre più di attualità e di come i modelli climatici sviluppati e applicati dal CMCC diano informazioni sul clima del futuro e sulle interazioni tra il clima e l’economia, l’agricoltura, l’energia, le politiche internazionali. Dalla lettura delle pagine di “Wired” emergono i principali argomenti che riguardano lo studio dei cambiamenti climatici, disciplina in cui Lecce si conferma sede di primo piano a livello internazionale, e le conseguenti applicazioni in diversi settori della società, illustrati da Antonio Navarra, Carlo Carraro, Giovanni Aloisio, Silvio Gualdi, Donatella Spano, Massimo Tavoni, Valentina Bosetti, Alessio Bellucci e Giovanni Coppini. Il cuore della questione è Athena, il supercalcolatore che consente di realizzare simulazioni con un dettaglio maggiore rispetto alle precedenti. Da qui il discorso arriva a coinvolgere le varie applicazioni che i modelli utilizzati dagli scienziati del CMCC mettono in pratica per dare vita a strumenti capaci di produrre proiezioni dettagliate sulle condizioni del mare (come nel caso del portale Sea-Conditions, che presto diventerà applicazione per Apple e per Android), o fornire informazioni su molti campi quali ad esempio energia, trasporti, agricoltura. Come sede centrale del CMCC, nella capitale salentina nascono ricerche di avanguardia dal punto di vista delle tecnologie e delle conoscenze scientifiche che entrano nel vivo di temi innovativi che, come dimostra l’interesse di “Wired”, sono sempre di più al centro dell’interesse dell’opinione pubblica nazionale e internazionale. Articolo correlato: Supercomputer del CMCC, tra i più potenti al mondo

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!