Va ora in onda “Safety Rider”

Lecce. Un’intera puntata dalle trasmissione “A ruota libera” dedicata al progetto sulla sicurezza stradale su due ruote dell’istituto Costa di Lecce. In onda alle 10 e poi ogni quattro ore su Rai Scuola (canale 806 di Sky). Potrà essere seguita anche sul sito www.aruotalibera.rai.it

LECCE – Sarà stata l’originalità del progetto, la delicatezza e attualità del tema o il modo inconsueto con cui i giovani si sono mossi per la realizzazione, fatto sta che Diego Garbati, uno dei produttori esecutivi della trasmissione Rai “A Ruota Libera”, ha deciso di dedicare la puntata di oggi (alle ore 10 e in replica ogni quattro ore su Rai Scuola – Sky canale 806) a “Safety Rider”, progetto realizzato dall’istituto Costa di Lecce sulla sicurezza stradale su due ruote. Il progettoè denominato “Safety Rider” in assonanza col mitico film cult “Easy Rider” del 1969, pone l’attenzione sulla sicurezza su moto e scooter. Il logo scelto per il progetto è già emblematico di per sé: una moto (per l’esattezza un “chopper”, simile a quelli cavalcati dagli attori Dennis Hopper e Peter Fonda) dove, al posto della ruota anteriore è raffigurato un salvagente. Nella puntata andranno in onda gli interventi dei ragazzi ed il loro racconto filmato su tutte le tappe seguite per la realizzazione del sito. L’intera puntata sarà poi visibile anche sul sito ufficiale della trasmissione www.aruotalibera.rai.it Gabriele Accarino, Fatima Chaddadi, Martina Loiola, Vincenzo Ratano, Stefania Bruno, Dalila Cingolani, Matteo Manca e Giacomo Stefanelli, questi i nomi degli studenti della scuola leccese, hanno pubblicato “Safety Rider” all’indirizzo www.gpace.net/safetyrider. E’ un piccolo ma intrigante sito web che ha l’obiettivo di sensibilizzare “dal basso” i giovani ad adottare tutte le possibili misure di sicurezza quando sono alla guida della loro moto o dello scooter. Il sito è organizzato in 5 step che corrispondono alle diverse fasi del progetto: il brainstorming, la normativa, gli incidenti, la velocità e, infine, i consigli e suggerimenti. Per avere tutte le informazioni necessarie alla realizzazione di “Safety Rider”, gli studenti hanno effettuato delle “uscite” dalla scuola e hanno visitato: la redazione di un giornale locale (per avere notizie ed immagini relative ad incidenti che hanno visto coinvolti motociclisti e scooteristi); il deposito giudiziario (dove si potevano vedere e fotografare i mezzi coinvolti in incidenti stradali); l’Ufficio Tecnico della Provincia di Lecce (per avere informazioni su come e perché vengono stabiliti i diversi limiti di velocità sui diversi tratti e strade); una pattuglia della Polizia Stradale mentre era appostata su una strada della provincia per controllare il rispetto dei limiti di velocità). Particolare attenzione è stata posta sull’aspetto “velocità”, la maggiore causa degli incidenti mortali per i giovani. In questo “step” i giovani hanno anche pubblicato una serie di video trovati in rete che esortano ed invitano i giovani a tenere in forte considerazione la velocità. “A ruota libera” (www.aruotalibera.rai.it) è un nuovo progetto multimediale di educazione al nuovo Codice della strada, promosso e realizzato da Rai Educational in convenzione con il MIUR. Protagonisti della trasmissione, che nasce nella scuola e per la scuola (ogni puntata potrà poi essere utilizzata in classe dagli insegnanti sia in versione integrale che in “pillole”), saranno proprio gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado, in un percorso che lungo tutta Italia passerà in rassegna tutte le regole del Nuovo Codice della strada appena approvato. Educazione stradale intesa come l’insieme dei valori, norme, atteggiamenti e orientamenti al comportamento che ispirano le scelte sulla strada in relazione, più o meno diretta, con gli stili di vita dei singoli soggetti e la loro interazione con le diverse istituzioni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!