Test prenatali a confronto… una guida per le future mamme

L’arrivo in Puglia, e in particolare nel Salento, di Harmony Prenatal Test ha dato una svolta alla diagnosi non invasiva. Ecco perché

Prof. Lamberto Coppola (*) I test di screening prenatali del primo trimestre di gravidanza, quali la misurazione della translucenza nucale combinata con i due marcatori biochimici, free-βHCG e PAPP-A, sono esami prenatali non invasivi, ma hanno un tasso di falsi positivi fino al 5% e non rilevano in modo corretto fino al 30% dei casi di trisomia 21. Questi test possono, infatti, riportare una positività per una trisomia fetale anche se in realtà siamo in presenza di una gravidanza con un feto sano (falso positivo) o potrebbero riportare una negatività per una trisomia fetale, mentre in realtà siamo in presenza di gravidanza con un feto affetto da trisomia fetale (falso negativo). I test di diagnosi prenatale, quali amniocentesi e villocentesi, pur avendo una attendibilità diagnostica superiore al 99% per tutte le trisomie e aneuploidie fetali, sono altamente invasivi e presentano un potenziale rischio per la salute della gestante e del feto (fino a causarne l’aborto). Anche in Puglia e in particolare nel Salento l’arrivo di Harmony Prenatal Test ha dato una svolta alla diagnosi non invasiva. Ecco il perché: • Harmony Prenatal Test può essere eseguito a partire dalla decima settimana di gravidanza. • Si può effettuare in caso di una gravidanza spontanea con un feto singolo e da fecondazione “in vitro” (IVF, ICSI) sia con auto-donazione sia da donatori di ovociti non parentali, ma sempre in presenza di un singolo feto. • Si può effettuare in caso di gravidanza gemellare spontanea e da fecondazione “in vitro” con auto-donazione di ovociti. • Nella gravidanze gemellari non è ancora possibile eseguire il test per i cromosomi X e Y, ma solo per i cromosomi 13, 18, 21. • Il test non valuta il rischio di mosaicismo, trisomie parziali o traslocazioni. La tabella sottostante mette a confronto i vantaggi e i limiti degli attuali test di diagnosi prenatale non invasiva e invasiva con i test di ultima generazione eseguiti su sangue materno.

Per sapere dove eseguire in Italia Harmony Prenatal Test clicca qui: http://www.laboratorio-analisi-crabion.it/index.php/per-le-gestanti/dove-effettuare-harmony-prenatal-test.html (*) Prof. Lamberto Coppola Andrologo – Ginecologo – Sessuologo Direttore dei Centri Integrati di Andrologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana Tecnomed (Nardò- Lecce), Casa di Cura Petrucciani (Lecce) e Casa di Cura Fabia Mater (Roma).

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!