SP 184, 'abbandonata al degrado'

Tricase. Il circolo locale di Legambiente denuncia lo scarso interesse delle istituzioni verso la Provinciale che porta al canile

TRICASE – “La strada provinciale 184, che porta al canile comunale di Tricase, è comlpetamente dimenticata dalle istituzioni”. La segnalazione arriva da Cerianthus Legambiente Tricase, la sede locale dell'associazione ambientalista, che riferisce come da tempo la SP 184 sia in balia delle “attenzioni” vandaliche e incivili di “chi, ancora e nonostante l’esistenza di numerose alternative legali e rispettose dell’ambiente (centri di raccolta rifiuti), si lascia andare allo sciagurato pellegrinaggio con relativa auto imbottita di rifiuti indifferenziati e non, convinto che in quell’angolo di strada si possa fare di tutto al riparo da occhi indiscreti”. Il risultato di questo comportamento sono svariati di kilogrammi di rifiuti di tutte le tipologie, che di tanto in tanto vengono anche incendiati sprigionando fumi e sostanze volatili pericolose per l’ambiente e per l’uomo che le inala. “Secondo il nostro punto di vista – continuano da Legambiente – sarebbe opportuno che, oltre all’intera bonifica dell’area, ci sia un progetto di riqualificazione di quella strada ( non servono enormi investimenti ma volontà politica). Nel frattempo, chiaramente, sarebbero auspicabili controlli più intensivi allo scopo di scongiurare questo terribile malcostume, che oltre a intaccare il territorio dal punto di vista ambientale lo rende poco appetibile dal punto di vista turistico”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!