Rifiuti in Colacem. Galati: ‘Il territorio non vuole’

Galatina. In Commissione regionale Ambiente i sindaci dei Comuni interessati dal progetto hanno dichiarato la propria contrarietà

GALATINA – “Il colpo di mano tecnico con il quale si ipotizzava di bruciare rifiuti nel cementificio di Galatina dovrà essere neutralizzato”. Tiene duro, nella sua battaglia contro l’ipotesi di bruciare rifiuti presso l’impianto salentino di Colacem – il consigliere regionale vendoliano Antonio Galati, confortato anche dall'audizione dei sindaci dell'area galatinese che hanno espresso una chiara volontà politica contraria all'ipotesi. “Autorizzando più inceneritori del necessario rischiamo di attrarre rifiuti da tutta Italia – sottolinea -; investiamo invece sulla differenziata, dando attuazione concreta alla filosofia del Piano regionale”. Ieri mattina ha avuto luogo un'importante ed attesa audizione nella Commissione Ambiente della Regione Puglia, nella quale si è preso atto che i primi cittadini di Galatina, Sogliano, Soleto, Cutrofiano e Corigliano hanno esposto la loro contrarietà all'ipotesi di co-incenerimento di Css (il combustibile da rifiuto) nel cementificio Colacem di Galatina. “È stato ricordato come nel 2006 ci fu una sperimentazione analoga – spiega Galati -, che venne sospesa a causa di sforamenti degli inquinanti rilevati al camino della Colacem”. Per il consigliere “la volontà del territorio è chiara e conferma la posizione già espressa nel 2010, quando il consiglio regionale si disse contrario alla trasformazione dei cementifici in inceneritori. Anche per questo è inspiegabile, al limite del colpo di mano tecnico, la norma ad Colacem che andrà cassata quando il Piano rifiuti arriverà in Consiglio”. Un'altra incongruenza è stata poi rilevata nella discussione generale nella quinta commissione. “Il Piano rifiuti da un lato non conteggia le autorizzazioni (già rilasciate ma non ancora operative) per ampliamenti o nuove costruzioni di termovalorizzatori – sottolinea il consigliere vendoliano – e dall'altro prevede nuovi impianti di compostaggio, unici strumenti che con le relative filiere possono ottenere i due risultati di far crescere le percentuali di raccolta differenziata e creare nuova occupazione in un settore di pubblica utilità. Ma se la differenziata cresce e l'aumento dei termovalorizzatori è già autorizzato – incalza Galati – perché autorizzare a bruciare Css anche in impianti che non sono nati a questo scopo? Anche un bambino intuirebbe qual è il rischio: in mancanza di combustibile locale, cementifici e centrali elettriche importerebbero rifiuti da tutta Italia: un meccanismo già visto a Maglie con la Copersalento, il cui esempio non vogliamo ripetere”. Articoli correlati: Emissioni Colacem. Aloisi: ‘Quali controlli'? Bruciare rifiuti in Colacem. Sogliano dice di no Colacem potrebbe bruciare rifiuti

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!