Trova hashish e marijuana in giardino

Squinzano. Qualcuno avrebbe gettato un involucro di plastica contenente la droga nella proprietà di un uomo. Che ha denunciato l’accaduto ai carabinieri

(foto di repertorio) SQUINZANO – A pochi giorni da sequestri e arresti eseguiti per coltivazione illecita di marijuana, i carabinieri della Stazione di Squinzano sono stati chiamati ad agire ancora per questioni di droga. Tutto è cominciato quando un 45enne del posto si è rivolto ai militari per segnalare una circostanza quanto meno singolare. L’uomo ha infatti riferito che si trovava, di mattina, nel giardino dell’abitazione del padre (nell’agro della cittadina nord-salentina), in compagnia del figlio, con cui era intento a eseguire lavori di ristrutturazione. D’improvviso, dall’esterno della recinzione (un muro alto all’incirca due metri) qualcuno ha gettato nel giardino un involucro contenente della droga. Preoccupato da quella scoperta e anche del fatto che per errore il possesso di quella sostanza gli fosse attribuito, l’uomo l’ha riposta e ha deciso di segnalare la cosa ai militari di Trepuzzi, che a loro volta hanno allertato i colleghi di Squinzano. A questi ultimi l’uomo ha consegnato il pacco: dentro, un panetto di hashish da 93 grammi e di marijuana da 42 grammi. La droga è stata sequestrata ed ora gli investigatori dovranno chiarire gli aspetti della curiosa vicenda.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!