Innomat 2014, a Bari

Bari. L’annuncio, al Salone internazionale dello spazio di Parigi. E’ la prima volta che la convention viene ospitata in Italia

BARI – Sarà Bari ad ospitare, nel 2014, la Business convention Advanced materials meetings “Innomat”, uno dei più importanti appuntamenti al mondo dedicato ai settori dell’aerospazio, dei materiali innovativi, della nautica da diporto e della meccatronica. È la più concreta testimonianza, da un lato, dell’attrattività del territorio pugliese per la realizzazione di eventi economici di portata internazionale, dall’altro, del ruolo della Puglia nel campo dei materiali compositi e innovativi. Un settore nel quale la Regione getta le basi per una leadership nazionale e internazionale del suo territorio proprio attraverso l’organizzazione a Bari, e per la prima volta in Italia, di questo evento. L’accordo che dà avvio alla Business Convention è stato firmato a Parigi, in occasione dell’International Air Show. A siglarlo l’assessora allo Sviluppo economico Loredana Capone e Gregory Florent Breton, legale rappresentante della società francese organizzatrice, ABE – Advanced Business Event, leader nell’organizzazione di B2B (incontri d’affari), conferenze e congressi per professionisti dell’industria nei settori dell’aeronautica, dello spazio, della difesa, dell’energia, dell’ambiente. La convention approderà a Bari dal 26 al 28 maggio 2014 negli spazi della Fiera del Levante e presenterà i nuovi prodotti, le tecnologie più innovative esistenti sul mercato e le evoluzioni del panorama internazionale del settore. “Con l’organizzazione di questo evento in Puglia – ha detto Capone – stiamo offrendo ai nostri operatori e a tutto il territorio pugliese una delle più grandi opportunità di business internazionale. E stiamo offrendo alla Puglia la patente di capitale internazionale nel settore dell’aerospazio”. “È un grande riconoscimento per la nostra regione – ha aggiunto -. La Puglia ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per un ruolo internazionale di primo piano, con una rilevante presenza di attività industriali, sia in termini di insediamenti che di addetti, una riconosciuta capacità manifatturiera e la preparazione eccellente dei suoi professionisti”. “La Regione – ha continuato Capone – ha lavorato molto negli ultimi anni affinché le imprese del settore fossero stimolate alla ricerca, all’innovazione, alla specializzazione. E se oggi un colosso come Alenia-Aermacchi sceglie la Puglia per la parte più consistente e tecnologica della sua produzione, allora vuol dire che l’impegno profuso ha ottenuto i risultati sperati”. Il principale obiettivo dell’organizzazione dell’evento in Puglia è quello di mettere a disposizione delle imprese e degli operatori partecipanti un insieme di strumenti che favoriscano le collaborazioni commerciali e tecnologiche attraverso incontri “one to one”, informino sull’evoluzione del panorama internazionale del settore attraverso la sessione “conferenze”, mostrino nuovi prodotti e tecnologie innovative attraverso sessioni “workshops” presentate dai fornitori ed espositori. Le aziende pugliesi che parteciperanno alla borsa d’affari avranno l’opportunità di selezionare fino a 30 aziende tra quelle iscritte alla Convention da incontrare nell’ambito di B2B della durata di 40 minuti l’uno. Un software specifico analizzerà le domande di ogni partecipante ed elaborerà un’agenda pre-organizzata di incontri d’affari personalizzata per ogni iscritto. L’evento è stato ideato in considerazione dell’apertura dei materiali innovativi ad usi sempre più vasti. L’edizione pugliese sarà focalizzata sulle applicazioni dei materiali d’avanguardia ai trasporti e valorizzerà l’offerta produttiva pugliese nei settori dell’aerospazio, della nautica e dell’automotive. Il format della Business Convention “Innomat Meetings” prevede l'organizzazione di sessioni di conferenze di alto livello con la partecipazione di esponenti di rilievo industriale e istituzionale, workshop tematici, nel corso dei quali le imprese possono confrontarsi sulle ultime tecnologie, sessioni di “doing business with” che permetteranno ai grandi gruppi internazionali di presentare ai partner e ai fornitori le loro politiche aziendali in materia di collaborazione industriale e di acquisti. L’evento vedrà il coinvolgimento di Enti e Centri di ricerca italiani e di grandi committenti provenienti da diverse parti del mondo dei settori Aeronautica e spazio, Navale e cantieristica, Veicoli terrestri. Coinvolgerà in particolare, per il settore Aeronautica e spazio, costruttori e fabbricanti di aerei civili e militari, di motori spaziali, di elicotteri, di ULM, di dirigibili e grosse imprese di manutenzione aeronautica. Per il settore Navale e cantieristica, interverranno operatori e costruttori di navi turistiche, navi commerciali, navi militari e sommergibili civili e militari. Nel settore dei Veicoli terresti, saranno coinvolti i costruttori di automobili, di vetture di competizione (Formula 1, Formula 3000 & Rallyes), di mezzi pesanti (Camion, Autobus, Autocar); di 2 ruote (Moto, Scooter,..), di macchine agricole e BTP, di piccole vetture e kart, di veicoli specifici: militari, pompieri, scavatrici, infine i costruttori di materiali ferroviari. Il nuovo evento è stato presentato in anteprima alle imprese pugliesi presenti al Salone di Parigi che lo hanno da subito giudicato interessante, stimolante e utile per avere accesso a nuove e importanti occasioni d’affari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment