Beach Soccer: iscrizioni aperte

Gallipoli. Il Challenger Beach Soccer Tour fa tappa nel Salento il 29 e 30 giugno

Anche la Puglia sarà rappresentata in questa edizione del Challenger Beach Soccer Tour. Nella splendida location dello Zeus Beach di Gallipoli si giocherà infatti il 29 e 30 giugno, la fase di qualificazione regionale al torneo. La squadra vincitrice rappresenterà la Puglia alla finali nazionali e sarà ospitata gratuitamente il 26-27-28 luglio al torneo conclusivo che si terrà a Viareggio. “Per noi sarà un piacere organizzare questo torneo; era già da tempo che mi chiedevano di organizzare un torneo di beach soccer e grazie allo “spunto” del Super Eight Beach Soccer eccoci qua …vi aspettiamo numerosi” commenta Gaetano Gallo, il titolare di Zeus Beach. Il “calcio da spiaggia” è uno sport derivato dal gioco del calcio e ad esso simile, ma giocato esclusivamente sulla sabbia. Negli anni 2000 il beach soccer è stato riconosciuto dalla FIFA e si svolgono quindi campionati a livello nazionale ed internazionale. Sebbene fosse già praticato da molto tempo, le regole del gioco sono state fissate solo nel 1992, con la fondazione dell'organismo di governo Beach Soccer Worldwide. Le regole sono semplici: ogni squadra è costituita da 5 giocatori, compreso il portiere; la panchina è costituita da 3/5 giocatori e il numero delle sostituzioni è illimitato. Si giocano 3 tempi da 12 minuti ciascuno con 3 minuti di intervallo tra un tempo e l'altro. La partita non può finire in parità: si giocano tempi supplementari di 3 minuti con golden gol ed eventualmente i rigori. Le punizioni sono sempre dirette, senza barriera e devono essere battute da chi subisce il fallo. A differenza del calcio, il portiere ha la possibilità di prendere il pallone con le mani su un retropassaggio intenzionale di piede da parte di un giocatore della propria squadra. Naturalmente, si gioca a piedi nudi. Per iscrizioni al torneo: 347/4617035 – [email protected]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment