In bicicletta, tra i vigneti del negroamaro

Guagnano. Il progetto “BiciTour del Negroamaro” dell’associazione Terrae, tra i vincitori del bando regionale PugliApedali

Finalmente anche sul territorio di Guagnano e paesi limitrofi, e precisamente tra le vigne di negromaro, vedremo passeggiare tanti enoturisti in bicicletta e non solo in macchina. Infatti, grazie a un piccolo ma significativo contributo che l’Associazione “TERRAE a Sud del Tempo” riceverà dalla Regione Puglia – Assessorato alle Infrastrutture Strategiche e Mobilità”, essendo risultata vincitrice del bando “Crea-Attiva-Mente – Progetto PugliApedali”, verrà proposto un modo diverso e alternativo di scoprire i nostri territori attraverso il connubio paesaggio e bicicletta. “Questi due elementi – si legge nel progetto – ben si sposano nel panorama di ambienti rurali e campestri, in un modo lento per viaggiare e per scoprire l’essenza profonda dei luoghi . Un mezzo che si insinua garbatamente nelle tradizioni dei territori e che permette di viverne le piccole cose, i profumi, le eccellenze, le architetture sacre o civili che si possono osservare solo al ritmo del mezzo ciclistico. Eppure è proprio questo modo di intendere il viaggio quello che riserva le migliori sorprese. Il gusto della scoperta, lo stupore dell’inaspettato, il piacere del dettaglio”. L’idea progettuale dell’associazione guagnanese nasce, dunque, allo scopo di creare una proposta per gli amanti delle due ruote, sfruttando altresì il sistema delle FSE, vettore principe di tale iniziativa, che con il trasporto misto treno/bici renderebbe meno arduo l’intento di conoscenza del territorio. Si tratta di itinerari immersi nei vigneti ed oliveti del Nord Salento che si snodano tra le tipicità e le bellezze delle nostre terre, toccando le cantine e gli oleifici del posto dove è possibile fermarsi per una visita o per una degustazione. Gli itinerari suggeriti,poi, lasciano ampio spazio al ciclista, che può crearsi numerose varianti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!