Masserie, presto sotto le stelle

Bari. Presentata l’edizione 2013 della manifestazione, prevista per sabato 22 giugno. Tra le novità un contest fotografico

BARI – Polvere di stelle sulle Masserie Didattiche di Puglia, pronte a mostrare la loro preziosa attività nell’atteso appuntamento serale con la Puglia rurale. Di scena il 22 giugno sull’intero territorio regionale la III edizione di “Masserie sotto le Stelle”, l’evento interamente dedicato alle antiche tradizioni contadine di Puglia, organizzato dall’Area Politiche per lo Sviluppo Rurale della Regione Puglia, in collaborazione con l’Area Politiche per la Promozione del Territorio, dei Saperi e dei Talenti. A presentare la manifestazione presso la presidenza della Regione Puglia, il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, l’assessore alle Risorse Agroalimentari, Fabrizio Nardoni, l’assessora al Mediterraneo, Cultura e Turismo Silvia Godelli e la responsabile Educazione Alimentare Masserie Didattiche – Servizio Alimentazione Angelica Anglani. “Ritaglia il tuo angolo di cielo” è l’invito rivolto a grandi e piccini che, avvolti dalla magia della notte, avranno la possibilità di vivere appieno la sapienza antica della terra pugliese. “È un modo per far conoscere un patrimonio unico al mondo – ha spiegato Vendola – che è quello delle nostre masserie fortificate, fatto di una storia lunga secoli. Le masserie pugliesi non sono solo delle unità architettoniche di grande pregio, sono anche depositi di informazioni, di bellezza e di biodiversità”. “Cultura – ha aggiunto – non è soltanto socializzare la conoscenza della bellezza, di cui noi siamo custodi. Cultura è anche immaginare un’operazione che duri 365 giorni all’anno, di educazione ambientale e di educazione alimentare. Educarsi alla dieta mediterranea vuol dire mutare gli stili di consumo e andare incontro ad un settore agroalimentare che è di straordinaria qualità”. Secondo il Presidente della Regione Puglia il turismo regge quando nel paniere dell’offerta turistica si è in grado di diversificare e specializzare i prodotti da immettere sul mercato. “Questo prodotto, in qualunque parte del mondo, suscita stupore e curiosità. Le nostre tipicità enogastronomiche hanno una particolarità: sono dei racconti; raccontano un cammino, un territorio”. “Masserie sotto le stelle – ha concluso Vendola – non è un evento, ma è un punto terminale ed un punto di ripartenza. Non avrebbe alcun senso se fosse un momento autocelebrativo in sé. Rappresenta un’esperienza molto bella per quello che avviene durante i restanti giorni dell’anno nelle masserie didattiche, nel rapporto con le scuole, nella costruzione di un sistema che cerca di rafforzare la nostra consapevolezza su ciò che siamo, su ciò che dobbiamo custodire gelosamente e su ciò che intendiamo offrire a coloro che vengono qui in Puglia”. Le Masserie Didattiche aderenti all’iniziativa, sorprenderanno quanti decideranno di trascorrere alcune ore a stretto contatto con la natura. A partire dalle 18:00, le antiche dimore si trasformeranno in veri e propri laboratori a cielo aperto, divenendo al contempo anfiteatri naturali pronti ad accogliere stelle danzanti al ritmo della tradizione, ma anche tavole ospitali e spazi espositivi. “Il genius loci delle nostre Masserie, inteso come tratto di interazione tra luogo e identità di un territorio, ha consentito in questi anni di fare dell’esperienza di vita rurale e delle esplorazioni del gusto che qui si possono compiere, un progetto formativo ma anche un brand turistico e culturale di forte richiamo – ha affermato l’assessore regionale alle Risorse agroalimentari, Fabrizio Nardoni – Luoghi emblema in cui si conserva ancora la Puglia pura e genuina che sa far parlare di sé nel mondo. Un valido aiuto lo danno i nostri prodotti tipici, sempre più buoni, sempre più garantiti e sempre più riconoscibili anche grazie ad un altro marchio di qualità come quello di ‘Prodotti di Puglia’”. L’assessore al Turismo, Silvia Godelli ha specificato come “si è deciso di coniugare in maniera strettissima tutte le politiche di valorizzazione della storia e della cultura agricola pugliese con le politiche del turismo. Ecco perché si può notare anche il logo di Pugliapromozione in calce al materiale che sarà diffuso. Crediamo infatti che la promozione del turismo in Puglia non rivenga solo dall’illustrare le località marine o d’arte, ma anche dalla promozione della cultura contadina e di tutela dell’ambiente. Siamo sicuri che con iniziative coordinate come queste la Puglia possa affrontare meglio la crisi che impatta sulla nostra regione anche con la flessione dei numeri del turismo, crisi che però viene attutita meglio – ha concluso – con le iniziative di promozione e di educazione”. Tra le novità della terza edizione della manifestazione, il contest fotografico “Notte in Masseria”: pubblicando una foto della manifestazione 2013 attraverso il proprio account Instagram (tag #notteinmasseria), si avrà la possibilità di vincere un weekend in una Masseria Didattica di Puglia. Per ricevere tutte le informazioni dell’iniziativa, è altresì possibile contattare la segreteria organizzativa al numero 080/5347030 – e-mail: [email protected] – Facebook: masserie sotto le stelle – Instagram: masserie sotto le stelle Consultando il sito dedicato all’evento all’indirizzo www.masseriesottolestelle.com, è possibile conoscere quali Masserie Didattiche partecipano all’edizione 2013 e scaricare i diversi programmi offerti da ciascuna struttura in occasione della manifestazione. Per individuare più agevolmente la proposta che più si addice alle proprie esigenze, i servizi offerti sono indicati con appositi contrassegni: un “cuoricino” indica le strutture che offrono laboratori accessibili e un “letto” per indicare la possibilità di pernottamento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!