Feudi di Guagnano prende il volo

Da Francoforte a New York, da Roma a Shanghai. Da ottobre due vini dellacantina salentina saranno serviti in tutti i “Vip Lounge” di Lufthansa

di Valentina Isernia Cinque giovani, un'unica aspirazione: salvare i vigneti di Negroamaro abbandonati da chi, suo malgrado, non può più prendersene cura a causa dell'età. Una missione che probabilmente racchiude più amore che ambizione, una storia che i suoi narratori hanno voluto racchiudere e raccontare nel nome stesso della loro etichetta: “Feudi”, plurale di “feudo” che nell'accezione dialettale salentina vuol dire “contrada”, dove dimorano, nell'agro guagnanese, molti vigneti di piccola estensione; “Guagnano per celebrare” – spiegano gli stessi imprenditori – “un territorio ricco di tradizione e storia vinicola che da sempre fonda la sua economia sulla coltivazione del Negroamaro”. Amore per il passato, per il presente, per il futuro, per un territorio e un'arte che rischiavano di cadere nell'oblio e che, invece, oggi diventano eccellenza che travalica i confini territoriali e nazionali. Da ottobre arriva forse uno dei riconoscimenti più grandi per la cantina “Feudi di Guagnano”, che vede due dei suoi vini volare via, a raccontare “storie che parlano di uomini e delle loro sfide” in luoghi che hanno altrettante storie da raccontare. Saranno i “Vip Lounge” di Lufthansa, collocati nei maggiori aeroporti internazionali a dare la possibilità di degustare e acquistare due selezioni della linea “Terramare” prodotte dai Feudi di Guagnano: un vino rosso a base di negroamaro e un bianco da verdeca, le stesse già presenti in alcuni hotel della catena Hilton Garden Inn. Settecento aeroporti, sparsi in tutto il mondo, settecento non-luoghi dove ogni giorno le storie e i destini di migliaia di persone si incrociano. Dal prossimo autunno anche davanti a un buon bicchiere di vino del Salento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Valentina Isernia

Giornalista pubblicista, laurea in Industria Culturale e Comunicazione Digitale presso l’Università la Sapienza di Roma con specializzazione in Social Media. Analista di contenuti televisivi e di misurazione audience in real time. Social Media Manager, Social Engager, Community Manager, Storyteller

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!