In Puglia il mare è Navigabile. Davvero

San Foca. Salpa oggi la barca di “Navigabile 2014”, progetto che permetterà a centinaia di ragazzi e ragazze diversamente abili di navigare il mare del Salento. Senza barriere

di Valentina Isernia Il Salento e il suo mare. Navigarlo, perdersi nell'orizzonte mentre il sole e il vento accarezzano il viso. Abbandonare ogni zavorra sulla terra e respirare la libertà. Ci sono molte cose a cui un diversamente abile viene insegnato a dire no. Tante restrizioni nascono dal pregiudizio, altre dalla paura, altre ancora dalla mancanza di mezzi. Si tratta di piccole cose, forse banali per i “normodotati”, relegate nella categoria ludica e, quindi, non essenziali nella vita. Non essenziali per chi? Cosa c'è di più essenziale di poter vivere il proprio territorio, la propria tradizione e di entrare in contatto con la natura? Quella stessa natura che, è un dato di fatto universalmente riconosciuto, specialmente nel Salento, è fonte di uno straordinario potere terapeutico. Da questo quesito e dall'unione di menti e risorse il mare del Salento diventa “Navigabile”, diventa progetto di integrazione, socializzazione e dialogo. Un progetto che salpa oggi, alle ore 9.00, dall’area portuale di San Foca (Scoglio Papuscia) e che si dispiegherà in undici tappe, fino al 31 agosto, che andranno dalla costa adriatica alla costa ionica La barca di “Navigabile 2014” – progetto realizzato dall’assessorato alle Politiche sociali e Pari opportunità della Provincia di Lecce e dalla Lega Navale Italiana-Circoscrizione Puglia Sud e Basilicata Jonica, in collaborazione con gli Ambiti territoriali sociali della Provincia di Lecce – salpa per il quarto anno consecutivo grazie al Protocollo d’intesa siglato per la prima volta nel 2010 e rinnovato per i prossimi tre anni. A tagliare il nastro sarà il commissario della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, con l’assessora provinciale alle Politiche sociali e alle Pari opportunità Fernanda Metrangolo. “Navigabile è ormai un tratto distintivo del nostro territorio” spiega il commissario della Provincia di Lecce Antonio Gabellone “e anche quest’anno, nonostante le difficoltà economiche e i venti della riforma che soffiano prepotentemente sulle Province, non abbiamo mancato le aspettative di tanti ragazzi salentini”, Le imbarcazioni, messe a disposizione gratuitamente dai soci della Lega e guidate da esperti in navigazione, accoglieranno centinaia di ragazzi e ragazze diversamente abili, insieme ai loro familiari; ogni singolo appuntamento nelle sedi della Lega navale sarà poi caratterizzato da un momento di accoglienza degli ospiti, ai quali, insieme ad un rinfresco, viene offerta soprattutto un’occasione di incontro e dialogo in un clima familiare. Dopo San Foca, le altre tappe del programma itinerante saranno: 12 luglio Otranto, 13 luglio Casalabate, 26 luglio Marina di Lecce, 27 luglio Frigole, 2 agosto Porto Cesareo, 3 agosto Torre San Giovanni, 10 agosto Tricase, 24 agosto Santa Maria di Leuca, 30 agosto Santa Maria di Leuca, 31 agosto Gallipoli.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment