Differenziata: 2 milioni per 21 Comuni

Bari. Approvata la delibera con cui si distribuiscono 2 milioni di fondi Cipe tra i Comuni che hanno raggiunto una percentuale di raccolta tra il 36% ed il 67%

BARI – Due milioni di euro da ripartire tra i 21 Comuni che hanno raggiunto una percentuale di raccolta differenziata tra il 36% ed il 67%. E’ uno dei provvedimenti approvati ieri dalla Giunta regionale pugliese su proposta dell’assessore all’Ambiente Lorenzo Nicastro. L’iniziativa rientra nel Piano di Riparto delle risorse premiali tra i Comuni, nell’ambito del Quadro Strategico Nazionale 2007-2013-Programmazione per le Aree sottoutilizzate. “Lo strumento delle premialità erogate ai Comuni che mostrano concreti passi avanti sulla via della differenziata e della corretta gestione dei servizi in tema di rifiuti è uno dei modi di riconoscere a chi raggiunge i risultati la bontà del lavoro e di incentivare ulteriori passi avanti – ha commentato Nicastro -. In questa direzione la Giunta regionale ha approvato la delibera che stanzia 2 milioni di euro rinvenienti dai fondi Cipe (del. 79/2012) a favore di 21 Comuni virtuosi”. “Abbiamo avviato la procedura negoziale con gli Organi di Governo d'Ambito in materia di gestione dei rifiuti solidi urbani – ha spiegato l’assessore -, definendo le modalità di utilizzo delle risorse premiali con la verifica del raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata e concordando che la premialità fosse in parte destinata ai Comuni ad ulteriore supporto dei servizi di raccolta. Stiamo lavorando per l'attuazione del Quadro Strategico Nazionale 2007-2013 Programmazione del Fondo Aree Sottosviluppate per il quale è necessario incentivare il miglioramento delle performance di raccolta differenziata, attraverso la ripartizione delle risorse premiali ai Comuni che hanno raggiunto risultati positivi”. I Comuni che riceveranno la premialità sono Poggiorsini, Toritto, Cellammare, Rutigliano, Ceglie Messapica, Erchie, Francavilla Fontana, Latiano, Oria, San Michele Salentino, San Pancrazio Salentino, Torre Santa Susanna, San Marco in Lamis, San Severo, Troia, Accadia, Anzano di Puglia, Candela, Rocchetta Sant'Antonio, Lizzano, Monteparano.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!