Ladri sul set. Le scuse di Gabellone e Perrone

Lecce. I messaggi del presidente della Provincia e del sindaco in seguito al furto di gioielli dal tir dello staff di Ozpetek

LECCE – “Profonda amarezza a nome di tutti i salentini”. E’ il messaggio del presidente della Provincia Antonio Gabellone alla notizia del furto sul set leccese del regista Ferzan Ozpetek, grande sostenitore del Salento e della città capoluogo. “L’assalto al furgone carico di gioielli e effetti personali di valore necessari alle scene del film in questi giorni in città – ha detto Gabellone – non è solo un episodio criminale per cui sono certo le forze dell’ordine faranno valere il loro straordinario lavoro d’indagine, ma è anche un pessimo ricordo di noi e della nostra terra nei confronti di un artista eccezionale. Invito Ozpetek a proseguire nel suo straordinario lavoro di promozione di questo territorio da lui tanto amato, della sua parte più bella, romantica, solare, da amare e soprattutto onesta. E proprio a nome di tutti i salentini onesti che oggi chiediamo scusa a Ferzan ed alla sua squadra”. Il sindaco di Lecce Paolo Perrone affida il suo pensiero alla bacheca facebook. “Qualcuno la scorsa notte ha rubato dal set i gioielli che Ferzan Ozpetek sta utilizzando per ‘Allacciate le cinture’ e che sono stati prestati alla produzione da alcuni sponsor – si legge -. Come al solito c'è chi fa di tutto per farci fare figure pessime. Lecce resta ospitale e fiera di ‘prestarsi’ al cinema”. Chissà se il regista confermerà, dopo quanto è accaduto, il suo amore per questa terra. Articolo correlato: Furto sul set di Ozpetek. Ladri via con orologi e gioielli

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!