Furto sul set di Ozpetek. Ladri via con orologi e gioielli

Lecce. Il valore degli oggetti rubati ammonta a più di 30mila euro. I responsabili sono fuggiti indisturbati

LECCE – E’ l’immagine del Salento che non vorremmo mai dare. Ma è difficile, davanti ad episodi come questo. Qualcuno, la scorsa notte, ha preso di mira il Tir Iveco appartenente alla troupe del film “Allacciate le cinture”, di Ferzan Ozpetek, in corso di registrazione a Lecce, ed ha rubato orologi ed altri preziosi per un valore superiore ai 30mila euro. A denunciare l’accaduto, attorno alle ore 5 di oggi, è stato un componente lo staff. Agli agenti delle Volanti giunti sul posto, l’uomo ha riferito di essersi accorto solo stamattina del furto. Il furgone è stato posteggiato l’intera notte presso un’area parcheggio di proprietà della società “Emotion”. Quando, attorno alle ore 4.20 il conducente si è recato presso il parcheggio a prelevare il tir, si è reso conto dallo specchietto retrovisore, che i portelloni posteriori e la porta laterale destra del rimorchio, adibito a sartoria, contenente capi di abbigliamento, calzature, borse ed accessori vari, si aprivano in maniera anomala. Dopo essersi fermato, ha potuto verificare che il portellone posteriore era forzato e che qualcuno si era introdotto all’interno del rimorchio, forzando la cassetta di sicurezza e rubandone il contenuto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!