Cavallino, l’arte scende in strada

Cavallino. Il tema è la Repubblica (e quale sennò, ad un passo dalla festa nazionale?). Chi si voglia cimentare nella street art, si faccia avanti

CAVALLINO – Se è vero che la felicità di ogni individuo deriva dallo stato di bellezza che lo circonda allora quella di oggi può essere l’occasione ideale per abbellire Cavallino proprio come piace ai cittadini. Alle spalle dell’ex Convento dei Domenicani, nell’area dove sorge il nuovo parcheggio adiacente al vecchio cinema del paese, chiunque potrà dare sfogo alla propria creatività. Per un intero pomeriggio questo angolo di mondo si trasformerà nella capitale della tolleranza dove fantasia e creatività, gioco e arte, prenderanno il sopravvento lasciando spazio ad espressioni artistiche insolite e strepitose. “Arte di strada” si chiama, ed è una manifestazione ispirata alla street art, un tipo di arte urbana, che si manifesta nei luoghi pubblici dove questo fenomeno socio-culturale sta caratterizzando le piazze e i quartieri delle principali capitali europee. Le tecniche messe in atto dagli esponenti della street art sono il “giardinaggio libero d’assalto” (“Guerrilla Gardening”) che esprime il desiderio di vivere circondati dagli spazi verdi (e per questo le aiuole abbandonate si trasformano in incantevoli scenografie floreali); poi c’è il “bombardamento tessile” (“Yarn Bombing”) che prevede il rivestimento di pali, panchine, alberi, cassonetti con manufatti di lana e cotone, un modo originale per rivalutare gli antichi mestieri svolti dalle donne, abili maestre nei lavori a maglia e all’uncinetto. Di grande impatto visivo è il “Dispatchwork” ossia il riempimento di crepe e fori con i Lego, i famosi mattoncini colorati, che inseriti nei buchi delle pareti degli edifici storici creano una suggestiva bicromia di colori. Straordinaria, infine, è il “Good Bike Project” cioè il riutilizzo di vecchi telai di biciclette trasformati in un’originale segnaletica stradale. Se volete liberare la vostra immaginazione e dare sfogo alla fantasia non esitate a raggiungere oggi una nuova officina creativa dove insieme ai bambini si costruiranno fantastici giochi impiegando materiale di riciclo ed elementi naturali. È solo attraverso la giocosità dell’insegnamento che si può valorizzare l’ingegno del fanciullo affinché possa esprimersi liberamente. È partendo dal reale e dagli spazi in cui si vive che si può rivoluzionare il modo di vedere, concepire, intendere il “mondo attorno” considerando la terra come un bene comune che appartiene a tutti, quindi da curare, amare e rispettare. Il concetto si intuisce dalla meravigliosa locandina realizzata da Milena Galeoto che ha curato il progetto grafico. Il tema della manifestazione è la Repubblica in previsione della festa nazionale di domani; l’incontro prevede una serie di laboratori didattici tra cui la lettura dei principali diritti dell’infanzia tratti da un bellissimo libro illustrato per bambini. A coinvolgere i partecipanti ci saranno Anna Lisa De Pascalis, abile artista nota per le sue splendide creazioni in ferro battuto; Viviana Quarta, esperta arredatrice e vincitrice di prestigiosi concorsi floreali; Marco Fantuzzi, maestro nell’estrazione dei colori dalle fibre vegetali. La festa sarà arricchita dalla presenza degli allievi della scuola Lupiae Comix di Lecce che all’istante realizzeranno un fumetto e da quelli dell’accademia di musica Damus (Harmoium) che porteranno a Cavallino un progetto giramondo intitolato “Una chitarra per tutti”. Chiunque potrà cantare in acustico la propria canzone allietando i partecipanti con una musica piacevole evitando ritmi assordanti. L’evento ideato e curato da Paola Bisconti, giornalista e blogger, insieme all’associazione “La Serra”, è patrocinato dal Comune di Cavallino e da “Medic’s Biomedica” e “Medic’s Point”, azienda sita a Lecce, leader nella commercializzazione di attrezzature medico chirurgiche e dispositivi medici; “L’altrocaffè”, il nuovo lounge bar che sorge nel cuore di Cavallino gestito con l’entusiasmo e la professionalità di Barnaba Russo; da “Enoteca Principe Emanuele”, luogo elegante e sofisticato, dove poter acquistare bottiglie di pregiato vino consigliate dall’esperto Emanuele Marchello e da “Il magico bosco”, locale ideale per le feste di compleanno dove il divertimento è assicurato dai giochi gonfiabili, entrambi a Cavallino.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!