Gli amputa il naso con un morso: arrestato 30enne

Poggiardo. In un eccesso d’ira morde al naso un vigile urbano amputandoglielo, l’uomo era in cura presso il centro d’igiene mentale del posto

Poggiardo. Sabato pomeriggio i Carabinieri della Stazione di Poggiardo hanno arrestato Davide Mauro, 30enne di Ortelle, per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni gravi nei confronti di un agente della Polizia Municipale di Ortelle. Mauro, con alle spalle altri episodi di violenza, nel pomeriggio di ieri 25 gennaio, dopo aver avuto un diverbio con un 20enne del posto, è stato raggiunto a casa da una pattuglia della Polizia Municipale di Ortelle al fine di chiarire la dinamica dei fatti. Visto l’evidente stato di agitazione del giovane, già in cura presso il Centro di igiene mentale di Poggiardo, uno dei vigili ha deciso di chiedere l’intervento dei medici del 118; purtroppo però, non essendovi campo all’interno dell’abitazione, uno degli agenti è dovuto uscire all’esterno per la richiesta di ausilio. In quel frangente, Mauro, approfittando dell’assenza di uno dei due operanti, sferrava un violento pugno alla nuca dell’agente, e, dopo averlo stordito, con inaudita ferocia, si scagliava nuovamente mordendo il vigile Picci Giorgio al naso, procurandone l’amputazione. Immediato è stato il successivo intervento di due pattuglie dei Carabinieri della Stazione di Poggiardo e dell’Aliquota Radiomobile, che riuscivano a calmare il giovane, bloccarlo, trarlo in arresto e ad avviare le procedure per il trattamento sanitario obbligatorio. L’agente Picci, trasportato presso l’ospedale di Tricase è stato riscontrato affetto da “Amputazione del naso tramite morso” con prognosi di gg 20 s.c. ricoverato. Mauro Davide, ora dovrà rispondere dei reati di lesioni gravi e resistenza a pubblico ufficiale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!