Impresa. Seminario su checkup finanziario di bilancio

Lecce. Terzo appuntamento del ciclo di incontri promossi dal settore Terziario avanzato di Confindustria

LECCE – Diffondere tra le imprese la conoscenza delle norme economiche, fiscali, degli strumenti e dei regolamenti che incidono sull’attività d’impresa, mettendo a disposizione le professionalità degli associati. E’ il fine del ciclo di seminari promossi dalla Sezione Terziario Avanzato e Servizi Innovativi di Confindustria. Oggi alle 16 il terzo appuntamento su “Checkup Finanziario di bilancio”. “Si tratta – spiega Grazia Manni, presidente della Sezione Terziario Avanzato – di uno strumento molto importante che incide sulla valutazione di merito creditizio che una banca effettua prima di concedere un prestito ad un’impresa. Il check up analizza la performance attuale e storica dell’azienda, per dare la possibilità di valutare il suo equilibrio dal punto di vista economico, patrimoniale e finanziario. Lo strumento finanziario consente al manager, all’amministratore ed all’imprenditore di guidare e gestire l’evoluzione del business elaborando il budget previsionale. I destinatari dell'incontro sono, infatti, i titolari dell’azienda, i responsabili amministrativi e finanziari e tutto il personale che si occupa di amministrazione, finanza e controllo nelle imprese”. Dopo i saluti della presidente Manni, relazionerà sul tema Alessandro Milone dell’azienda associata Value Advisor srl. L’incontro si propone di presentare il modello di analisi con l’ausilio di alcuni casi concreti che possano aiutare l’imprenditore, in sede di approvazione del Bilancio d’esercizio 2012, a focalizzare l’attenzione sui punti di criticità e di forza della propria impresa attivando una comunicazione efficace con gli interlocutori esterni, soprattutto istituti di credito.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment