La Fidapa ai giovani: ‘No alcol’

Casarano. Sabato la premiazione del concorso rivolto agli studenti. Obiettivo: sensibilizzare contro l’uso e l’abuso di alcol

CASARANO – Se ne parla tanto, ma tanto non è mai troppo. Ecco perché la sezione di Casarano della Fidapa ha dedicato un momento di riflessione al tema dell’abuso di alcol ed agli abusi in generale. Obiettivo: diffondere il più possibile tra i giovani i messaggi positivi del consumo controllato di alcol, del divertimento sano, del piacere nello stare insieme. Il metodo scelto, il bando di concorso “Campagna di sensibilizzazione No alcool” che ha chiesto agli studenti delle scuole di Casarano di cimentarsi nella creazione di un cortometraggio, uno slogan o un manifesto sul tema destinato ai propri coetanei. Risultato: una partecipazione entusiastica e tanti lavori, tutti meritevoli di premio. La giuria, tuttavia, ha dovuto operare una scelta. Così, tra i partecipanti (gli studenti degli istituti Comprensivo Polo 2, Comprensivo Polo 3, liceo classico, liceo scientifico e tecnico-economico “De Viti De Marco”) la giuria ha selezionato gli elaborati di Stefano Stefàno, dell’Istituto comprensivo Polo 3; e di Benedetta Sabato e Cristina Stefano, del Liceo delle Scienze umane.

premiazione Fidapa

La premiazione di Stefano Stefàno

premiazione Fidapa

La premiazione di Benedetta Sabato e Cristina Stefano La giornata di premiazione, che si è tenuta lo scorso sabato nel chiostro comunale, è stata un momento di piacevole aggregazione tra ragazzi, ampliata grazie anche ad una iniziativa della Unilever Italia che ha voluto colorare l’evento regalando ad ogni partecipante un simpatico copricapo con uno dei suoi più famosi marchi alimentari (Algida).

Roberta De Masi

Roberta De Masi, presidente della sezione di Casarano della Fidapa Non poteva esserci modo migliore, per la presidente di sezione Roberta De Masi, per concludere il proprio biennio alla guida dell’associazione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!