Comune trasparente: Consigli in diretta streaming

Lecce. Al via la trasmissione delle sedute di Consiglio in diretta tramite il sito del Comune. Si parte domani

LECCE – Il Comune di Lecce opta per la trasparenza e mette a disposizione, in streaming video, la diretta del Consiglio comunale. L’esordio della nuova tecnologia messa a disposizione dei cittadini è previsto per la seduta consiliare convocata per domani, alle ore 8.30 (prima convocazione). Sarà l’azienda leccese Cliocom a fornire gratuitamente al Comune di Lecce un'innovativa soluzione tecnologica di impianto integrato per la gestione dei Consigli comunali online. In particolare, gli impianti installati nell’aula consiliare di Palazzo Carafa sono integrati con l'infrastruttura di distribuzione dei contenuti multimediali proprietaria di Cliocom e rispondono in termini di funzionamento alle esigenze riportate nella Scheda dei requisiti tecnici per la gestione del servizio, garantendo: acquisizione audiovisiva con un sistema multicamera della seduta consiliare; regia del flusso video proveniente dai tre punti di ripresa; multi-streaming web, in diretta e in differita, tramite il portale istituzionale del Comune (www.comune.lecce.it) e di eventuali editori terzi autorizzati. Il nuovo sistema è stato presentato ieri mattina a Palazzo Carafa alla presenza del presidente del Consiglio comunale, Alfredo Pagliaro, degli assessori Alessandro Delli Noci (Innovazione Tecnologica) e Luigi Coclite (Affari Generali), dei dirigenti Antonio Esposito (Innovazione Tecnologica) e Francesco Magnolo (Affari Generali) e di Gabriele Conte, direttore strategico ClioCom. “E’ un passo importante per la città e per la nostra Amministrazione – ha detto Pagliaro -. Si tratta di un servizio gratuito offerto alla cittadinanza che potrà seguire comodamente da casa i lavori del Consiglio comunale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment