Play off Lecce: primo atto

Chiavari. Un nuovo allenatore e venti giocatori per la trasferta dei giallorossi in Liguria, dove domenica si disputerà la prima gara per la promozione in serie B

I calciatori del Lecce sono in ritiro in Liguria dove sosterranno i prossimi allenamenti di rifinitura agli ordini di Mister Gustinetti. La Virtus Entella non è avversario proibitivo ma la formula dei play off, con l'eliminazione diretta sulla doppia sfida di andata e ritorno, non consente distrazioni. Tutti e venti i calciatori convocati sono a disposizione, con l'eccezione di Chevanton e De Rose che hanno seguito un programma di lavoro personalizzato. Ecco la lista dei convocati: PORTIERI: Benassi, Bleve DIFENSORI: Diniz, D'Ambrosio, Esposito, Ferrario, Martinez, Tomi, Vanin CENTROCAMPISTI: Bogliacino, De Rose, Giacomazzi, Memushaj, Zappacosta ATTACCANTI: Chevanton, Chiricò, Falco, Foti, Jeda, Pià L'estremo difensore Benassi, intervistato dal sito ufficiale uslecce.it, ha voluto fornire il punto di vista della squadra sul cambio di allenatore deciso dalla società prooprio a ridosso della fase più delicata del campionato: “Quando viene presa la decisione di esonerare un allenatore, le colpe, sicuramente non sono solo di chi ha la conduzione tecnica della squadra. Dispiace per mister Toma – ha continuato Benassi – ora però mister Gustinetti, tecnico di grande esperienza e personalità, gode della nostra più totale fiducia. Starà a noi giocatori aiutare il nostro nuovo allenatore e metterlo nelle migliori condizioni possibili, in quanto il tempo a disposizione è limitato. Ora non c’è più tempo per dire o pensare, ma è solo il momento di fare. Mister Gustinetti ha inquadrato subito il nocciolo della questione dicendo che quello che più conta in questo momento è la testa. Dovremo essere bravi a concentrarci esclusivamente sul campo, lasciando da parte ogni altra situazione. Come affrontare queste partite? Sicuramente non dovremo pensare che potrebbero bastare anche due pareggi, dovremo scendere in campo sempre alla ricerca della vittoria. Inizia un mini torneo, un campionato a parte, che dovremo affrontare senza fare calcoli. L’Entella? E’ una buona squadra, che soprattutto in casa riesce ad esprimersi meglio. Ricordo la gara che giocammo a Chiavari, ne uscì un pareggio, anche se a mio modo di vedere fu una delle nostre migliori partite disputate fuori casa. Ora, però, è il momento di resettare tutto ed essere compatti, che è la cosa che più conta.”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!