Cittadini smart. Come wikipedia

Bari. SmartCitizen si presenta alla stampa e ai cittadini baresi, chiedendo loro confronti e cooperazione per una città sempre più smart

Piattaforme partecipative, metriche della cittadinanza proattiva, nuovi modelli e paradigmi per cambiare l’anima della città. Saranno presentate oggi, alle 15.00 presso il Consiglio comunale di Bari le proposte dell’associazione Smartcitizen per rendere la città più sostenibile e innovativa, più vicina ai cittadini, più connessa e intelligente. Partendo dal modello wikipedia, l’enciclopedia partecipativa, gratuita e on line. SmartCitizen nasce nel 2012 con lo scopo di promuovere il dibattito sulla qualità dei servizi sociali e sulle dinamiche dei processi urbani, nell’ambito della riqualificazione ambientale. Adottando il modello wikinomico, appunto, della condivisione delle informazioni, dei processi ideativi e delle formulazioni delle proposte, l’associazione SmartCitizen ha stimolato la discussione sui temi di “Smart City”. In pochi mesi, attraverso il solo strumento dei social network, i sostenitori di SmartCitizen si sono moltiplicati. Decine di cittadini hanno iniziato ad aderire al semplice invito di ripensare la Città in termini di maggiore sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Questo ha consentito a Smartcitizen di partecipare a progetti europei. Molti progetti – dicono gli animatori dell’associzione – non si trasformano in servizi perché frutto di discussioni in stanze chiuse avulse dalle competenze e dai saperi dei cittadini, ma occorre anche superare i limiti delle piattaforme Facebook e dei social network per garantire una partecipazione costruttiva. “Il contributo dei cittadini e il confronto deve per questo essere sempre misurabile e deve essere tracciato”- a questi principi si ispirano i nuovi modelli che Smartcitizen proporrà agli amministratori baresi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!