Lidi balneari. Cillo: ‘Si smantellino tutti’

Porto Cesareo. Il procuratore ha dato mandato ai carabinieri di continuare le ispezioni sull’abusivismo degli stabilimenti e di rimuovere tutti gli irregolari

PORTO CESAREO – Smantellare tutti gli stabilimenti balneari irregolari. E’ l’ordine di Ennio Cillo, procuratore aggiunto e coordinatore del pool reati ambientali. Cillo ha dato mandato ai carabinieri di Campi Salentina di proseguire i controlli sui lidi balneari presenti nel centro turistico cesarino, smantellando immediatamente tutti quelli che non sono in regola, ovvero le strutture precarie che, stando alle indicazioni di legge, in questo periodo non dovrebbero essere in attività. Vanno smantellate, precisa Cillo, anche le componenti precarie degli stabilimenti con struttura fissa. Per riaprire, tutti dovranno richiedere nuove autorizzazioni. E’ questa la strategia della Procura per evitare gli abusivismi nel territorio di Porto Cesareo ed arriva dopo numerosi sequestri che hanno interessato strutture turistiche della zona. L’interessamento è partito dalla segnalazione del legale del proprietario di uno stabilimento che si p visto notificare alcuni giorni l’avviso di conclusione indagini a suo carico. Articoli correlati: Sequestro di Punta Grossa ‘Il villaggio è abusivo'. Sequestrato il Riva degli Angeli

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!