Codacons, a rischio nullità centinaia di multe

Lecce. Il Giudice di Pace di Lecce dichiara che è inesistente il verbale che non riporta la sottoscrizione in originale o autentica del verbalizzante.

Lecce. Il Giudice di Pace di Lecce, Avv. Silvano Trane, con la recentissima sentenza n. 4897 del 12.12.13, ha accolto il ricorso proposto da un automobilista multato dalla Polizia Municipale di Lizzanello, per aver attraversato un incrocio col semaforo proiettante luce rosse. Il Giudice di Pace ha ritenuto fondato il motivo di ricorso con cui il ricorrente, assistito dagli avv.ti Alfredo Matranga e Gianluca De Leo, ha censurato l’illegittimità del verbale poiché riportante le sole firme scannerizzate del Comandante e del Vice Comandante della polizia municipale del comune salentino. In particolare, secondo il Giudice è inesistente il verbale che non riporta la firma in originale o autenticata di chi lo ha redatto, in quanto la normativa del vigente Codice della Strada e del relativo regolamento stabilisce che il verbale redatto dall’organo accertatore rimane agli atti dell’Ufficio o del Comando, mentre ai soggetti ai quali devono esserne notificati gli estremi viene inviato uno degli originali o copia autenticata a cura del responsabile dello stesso Ufficio o Comando; invece, nel caso dei verbali redatti con sistemi meccanizzati o di elaborazione dati, essi sono notificati con il modulo prestampato recante l’intestazione dell’Ufficio o del Comando predetti. Ha osservato, ancora, il Giudice di Pace come il verbale non possa comunque ritenersi, nel caso, legittimo poiché riportante la sola firma digitalizzata anziché la c.d. “firma digitale” che, a sensi della nuova disciplina di cui all’art. 3 comma 2 della L. n. 39/93, è l’unica consentita. Pertanto, ha infine concluso il Giudice osservando come nel caso di specie si è in presenza di carenza assoluta di sottoscrizione del verbale di contestazione impugnato, considerato che non è evidente la presenza di firma digitale né l’ente opposto ha fornito prova della sua esistenza. Per l’avv. Alfredo Matranga e per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, dopo questa pronuncia sono a rischio migliaia di verbali che, in caso di impugnazione, potrebbero essere anati dai giudici di pace. Sono infatti molte le amministrazioni comunali che per velocizzare la stampa dei verbali e quindi aumentare gli introiti provenienti dai verbali elevati per le infrazioni al codice della strada non rispettano le regole previste dal Legislatore a presidio della legalità.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!