Tutti i volti (e le idee) del Festival dell’Innovazione

SPECIALE FESTIVAL DELL'INNOVAZIONE// REPORTAGE// Bari. Una veloce carrellata di chi c’è. E di che cosa ha inventato

(nella foto in alto: Piccoli scienziati crescono. Dimostrazione presso lo stand Abap: percorsi geniali alla scoperta delle biotecnologie) BARI – Basta addentrarsi nel centro storico di Bari e curiosare tra gli stand delle aziende e start up presenti al Festival dell’Innovazione per respirare il domani. Che, poi, è già oggi. Ecco i volti, e le idee progettuali – innovazioni, prototipi, scoperte, sfide – che si incontrano, oggi, nel cuore del capoluogo pugliese.

Festival Innovazione

Gabriele Miceli e Lavinia Donateo, salentini under 30, di In-Cul.tu.re, progetto di ricerca che ha vinto bando del Ministero dell'Istruzione e della ricerca sulle smart city ottenendo un finanziamento di 1 milione 947mila euro per tre anni. Si tratta di un laboratorio di ricerca applicata su recupero e valorizzazione del patrimonio culturale e artistico

Festival Innovazione

Impianto di microeolico progettato da Fei System

Festival Innovazione

Ecco un annodatore automatico di mozzarelle. Il prototipo è stato dal Centro laser scarl, società consortile costituita da enti pubblici, Università e imprese private

Festival Innovazione

eSocialBike. L'associazione ha vinto il bando del Miur sulle smart city. I progetto è nella fase preindustriale. Una scheda smart controlla da remoto lo stato di salute della bici elettrica inviando direttamente al produttore segnalazione per eventuali ricambi o riparazioni. Nella foto: Marco Di Gioia, Raffaele Bonvino, Federica Lamuraglia. Ideatore del progetto è Matteo Pertosa

Festival Innovazione

Matteo Pertosa, ideatore di eSocialBike

Festival Innovazione

… e c'è chi il giro tra gli stand perferisce farlo in bici. Smart idea, no?

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!