Per i play off arriva Elio Gustinetti

Lecce. Terzo allenatore in questo complicato campionato dei giallorossi. Lo si poteva stravincere ma il traguardo della serie B è ancora a portata di mano

Elio Gustinetti è il nuovo allenatore dell'U.S. Lecce. Dovrà affrontare la fase più importante del campionato di Lega Pro: i play off, ai quali i giallorossi si sono qualificati in virtù del secondo posto in classifica. Il Trapani, prima alla fine del campionato ha invece conquistato la promozione diretta in serie B. Il Lecce dovrà così affrontare questa coda di sfide dirette, ma lo farà da favorita. Prima sfida contro i liguri della Virtus Entella. Giustinetti, che ha firmato un accordo fino al 30 giugno, è stato presentato questa mattina dalla società (nella persona del direttore sportivo Antonio Tesoro), assieme al vice allenatore Marco Mariotti. Anche se il contratto con il Lecce è limitato alla durata delle sfide-spareggio è scontato che nel caso di promozione lo stesso Gustinetti verrà confermato. Il mister bergamasco predilige uno schema tattico piuttosto offensivo, un 4-4-2 che può passare ad un 4-2-3-1 (schema che potrebbe forse ben adattarsi alla qualità tecnioca dei calciatori del Lecce); la sua gestione del team è molto orientata all'aspetto psicologico degli alteti e alla massima adattabilità della formazione alla caratteristiche dell'organico a sua disposizione. Inoltre le sue squadre segnano molti gol e sono di norma piuttosto spettacolari. Antonio Toma è stato esonerato domenica scorsa, subito dopo la sconfitta con l'Albinoleffe. Certo non sfuggono i pericoli di questa scelta. Da oggi inizia la fase decisiva del campionato del Lecce ed inizia con il terzo allenatore, dopo gli esoneri di Lerda prima e quella recente di Toma. Il neo-tecnico giallorosso Gustinetti ha annunciato un ritiro anticipato per preparare la prossima sfida e allenamenti a porte aperte, evidenziando la necessità che i tifosi vengano coinvolti in questa fase fondamentale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!