Politica, giustizia e giornalismo. Confindustria incontra Barbano

Lecce. Gli industriali a confronto con il direttore de Il Mattino. Al via oggi la rassegna promossa dall’associazione per discutere le strategie del “cambiamento”

LECCE – Come governare il cambiamento? Parte oggi la rassegna che Confindustria Lecce promuove per studiare le possibili strategie da mettere in campo nella difficile fase economica che il Paese sta attraversando. La serie di iniziative prende proprio il nome di “Governare il cambiamento”, e si apre con un ospite tra i volti più noti del giornalismo italiano: Alessandro Barbano, direttore del Il Mattino di Napoli, chiamato ad intervenire su “Politica, giustizia, giornalismo. Le parole della Terza Repubblica”. “La rassegna – afferma Piernicola Leone de Castris, presidente di Confindustria Lecce – in una fase di grande incertezza, vuole contribuire ad alimentare l’attenzione sulle urgenze del nostro Paese, fornendo un punto di vista che dal particolare si allarghi fino ad abbracciare l’intero sistema nazionale. Il nostro obiettivo è quello di avviare un dialogo costruttivo con il mondo della comunicazione, per favorire occasioni di scambio e di approfondimento. Con questo primo incontro con Alessandro Barbano, giornalista leccese, autore di diversi testi di natura politica, sociale ed economica, auspichiamo di creare un dibattito importante, che coinvolga non solo gli associati ma anche le Istituzioni politiche, sociali ed economiche territoriali, in un confronto dialettico positivo e di interesse generale”. Barbano, autore di saggi dedicati al giornalismo e libri su temi di carattere politico e sociale, ha esaminato quasi tutti gli aspetti di maggior controversia e di sfida alla professione giornalistica contemporanea, con particolare attenzione ai social media e al citizen journalism, anche in chiave comparativa fra la situazione italiana e gli altri Paesi del mondo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!