Parco dei fanciulli e delle ninfe. Ok alle torri eoliche

Giuggianello. Il Tribunale civile di Lecce ha dato il via libera alla realizzazione di 20 torri da 125 metri nella Stonehenge del Salento

GIUGGIANELLO – 20 torri da 125 metri l’una sorgeranno tra gli ulivi della “Stonehenge megalitica d'Italia“. Il tribunale civile di Lecce ha posto la parola fine alle annose battaglie condotte dagli ambientalisti e difensori del parco dei fanciulli e delle ninfe, che si estende sulle campagne tra Giuggianello, Minervino e Palmariggi, ed i promotori di impianti eolici. Dando il via libera a questi ultimi, la società Wind Service di Galatina. Il finale di partita è scritto tra le righe del provvedimento con cui si conferma il sequestro da 4 milioni e mezzo di euro alla società Maestrale Green Energy, pure interessata ad insediamenti energetici nella zona (con un progetto che prevede dodici torri, di circa 100 metri ciascuna, per un totale di 24 megawatt), la quale, secondi i giudici avrebbe tenuto una condotta “gravemente omissiva” e “truffaldina”, ribadendo la legittimità delle autorizzazioni ottenute dalla Wind Service, prima ideatrice dell'opera. Il via libera alla realizzazione del parco eolico all’interno del parco megalitico era arrivato già dal Consiglio di Stato che aveva anato una precedente sentenza del Tar che invece accoglieva le tesi degli ambientalisti. In giudizio contro le pale, si erano costituiti l'associazione Italia Nostra affiancata nei ricorsi ad adiuvandum dall'ente Provincia di Lecce e dai Comuni di Uggiano La Chiesa, Giurdignano, Muro Leccese, Poggiardo, Otranto. All’udienza romana, accanto alle ditte si era costituita anche la Regione Puglia. Il Tacco ha seguito molto da vicino le sorti del parco dei fanciulli e delle ninfe, andando tra le rocce vive, ascoltando le storie che avevano da raccontare. Chissà se riusciranno ancora a farsi sentire, una volta che le pale eoliche saranno entrate in funzione. Articoli correlati: Torri eoliche nella collina delle pietre vive Collina dei Fanciulli e delle Ninfe: stop all'impianto eolico Eolico nel Colle del mito. Un'interrogazione per bloccarlo

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!