La crisi fa crollare il mattone

Bari. Drastica riduzione delle compravendite immobiliari in Puglia. A Lecce la flessione più vistosa

BARI – Crollano le compravendite immobiliari in Puglia. Nel corso del 2012 ne sono state concluse 26.675 contro le 35.632 dell’anno precedente. Ben 9mila transazioni in meno, pari al 25 per cento. Una percentuale allarmante, elaborata dal Centro studi regionale dell’Associazione nazionale amministratori condominiali ed immobiliari (Anaci) su dati dell’Agenzia del Territorio. Il mercato immobiliare segna il passo e “tradisce” le attese degli investitori. Il mattone, ormai, considerato per anni il miglior investimento (tra il 1995 ed il 2010 ha reso perfino più dell’oro) non è più considerato un bene rifugio e, al momento, non si intravedono all’orizzonte segnali di ripresa. La crisi ha coinvolto, innanzitutto, la domanda. Sono diminuite, infatti, le richieste di acquisto. In secondo luogo, il tempo non accresce più il valore dell’immobile, al contrario questo potrebbe rimanere stabile o addirittura calare, mentre l’inflazione continua a correre ininterrottamente. Terzo, in questo momento, le famiglie preferiscono tenersi stretti i propri risparmi o, al massimo, utilizzarli per ristrutturare la propria abitazione. I dati elaborati da Anaci Puglia sui passaggi di proprietà sono eclatanti. Nel 2012, in provincia di Bari, le transazioni sono state, in tutto, 10.703 (contro le 14.290 dell’anno precedente). Rappresentano il 40 per cento di quelle effettuate nell’intera Puglia. La contrazione è di un quarto. La provincia più colpita, però, è Taranto. Le compravendite, infatti, sono diminuite del 30,3 per cento (da 5.273 a 3.675). Nonostante la forte contrazione, corrisponde comunque al 13,8 per cento del mercato regionale. Anche Brindisi registra una flessione oltre la media: -26,5 per cento (da 3.571 si scende a 2.625). Lecce e Foggia, invece, si fermano sotto il dato pugliese: entrambi hanno subìto un calo del 22,6 per cento. In particolare, il Salento che corrisponde ad un quinto del mercato regionale, passa da 6.924 a 5.359 transazioni l’anno, mentre la Capitanata da 5.574 a 4.313. L’incidenza di quest’ultima è del 16,2 per cento sul totale regionale. Il Centro studi di Anaci Puglia ha inoltre “disaggregato” i dati fra città capoluogo e gli altri Comuni delle rispettive province. Lecce registra il calo più vistoso: -39,1 per cento. Seguono Brindisi (-35,5), Taranto (-34,3) e Foggia (-33,9). Chiude Bari (-31,3). L’appeal delle città-capoluogo sembra dunque svanito e le transazioni sono in caduta libera. I paesi, invece, scendono mediamente di meno. I passaggi di proprietà nella provincia di Taranto calano del 28,1 per cento (da 3.436 a 2.468). La provincia di Bari registra un tasso negativo del 23,5 (da 11.380 a 8.704), la provincia di Brindisi meno 23,2 (da 2.610 a 2.005), la provincia di Lecce meno 18,8 (da 5.617 a 4.564). Stessa percentuale negativa per la provincia di Foggia che passa da 4.157 a 3.377. “La crisi economica ha paralizzato il mercato immobiliare – spiega il presidente di Anaci Puglia, Vito Lucente -. La mancanza di liquidità, la difficoltà di accesso al mutuo ipotecario a tassi convenienti e le maggiori imposte che gravano sugli immobili pesano come macigni. Il Governo nazionale e gli enti locali – conclude Lucente – vedono il bene immobile come fonte di tassazione, mentre dovrebbe essere oggetto di una maggiore attenzione sociale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!