Lavoro. Bellanova al ministro: ‘La Cig in deroga deve essere un assillo’

Roma. La deputata del Pd torna a sollecitare il Governo sulla necessitò di finanziare gli ammortizzatori sociali

ROMA – “Il finanziamento della Cassa integrazione in deroga deve essere un assillo per governo e parlamento, dobbiamo dare una risposta concreta e immediata a tanti lavoratori che si trovano senza redditi, privi di una prospettiva”. Così Teresa Bellanova, esponente dell’Ufficio di presidenza del Gruppo del Pd alla Camera, durante il question time con il ministro del Lavoro Enrico Giovannini che ha assicurato una risposta 'a brevissimo' sul rifinanziamento degli ammortizzatori sociali in deroga per il 2013. Bellanova è stata sempre molto attenta alla tematica del finanziamento degli ammortizzatori sociali ed in passato ha più volte sollecitato il Governo ed i ministri competenti in materia. “Prendiamo atto della positiva disponibilità del ministro, come degli impegni assunti nei giorni scorsi dal presidente del Consiglio Letta – ha commentato in seguito alla risposta del ministro Giovannini -. Nel nostro Paese troppe imprese hanno già chiuso i battenti, tantissime altre si trovano in una condizione di difficoltà enorme, troppi i lavoratori e le lavoratrici che pagano a duro prezzo il costo di questa crisi. A queste persone abbiamo l’obbligo di fornire una risposta immediata, seria e concreta, di tutelare le loro famiglie, spesso monoreddito, chiamate a compiere enormi sacrifici. Questi lavoratori hanno volti che spesso incrociamo nelle piazze e che ci urlano in faccia la loro disperazione. Noi queste urla dobbiamo saperle ascoltare perché sono il frutto di uno stato d’animo devastato: perdendo il posto di lavoro hanno perso un pezzo della propria identità. Il nostro compito è quello di dargli risposte”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment