Emergenza sanità: guaste quattro Tac su 13

Fuori uso la strumentazione di Nardò, Copertino, Gallipoli e Casarano. E da oggi la situazione potrebbe peggiorare ulteriormente

Quattro Tac guaste su 13 totali. E’ questa la drammatica situazione di cui ha dato notizia nel week end appena trascorso la centrale operativa del 118. Chiamata a fare i conti con emergenze che hanno reso difficoltosi numerosi interventi e che potrebbero condurre, a partire stamattina, ad una situazione ingestibile. La prima ad andare fuori uso è stata la macchina di Nardò, con le relative emergenze spostate verso gli ospedali più vicini, Gallipoli in primis. Ma lì la situazione non era migliore: strumentazione in tilt. Ed altrettanto è avvenuto a Casarano ed a Copertino. A farne le spese potrebbero essere, da oggi, i “casi non gravi”, ovvero quei cittadini che avevano regolarmente prenotato gli esami e che potrebbero vedersi “scavalcati” dai casi più urgenti e pertanto rimandati a chissà quando. Perché le macchie funzionanti ad oggi in tutta la provincia sono sei: tre al “Fazzi” di Lecce, due a Tricase, una a Campi, una a Scorrano ed una a Galatina. “E’ un disastro”, hanno commentato dal 118, dove medici e personale sanitario ora sono costretti a fare i conti con gravi difficoltà. Dalla Asl hanno promesso una tempestiva soluzione all’emergenza. “Provvederemo immediatamente”, ha assicurato infatti il direttore generale Guido Scoditti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!