La zona industriale in cerca di nomi

Casarano. Per trovare un nome alle strade della zona industriale, l’Amministrazione e la Commissione toponomastica chiedono aiuto ai cittadini

CASARANO – Trovare un nome alle strade della zona industriale. E’ l’intento dell’Amministrazione comunale casaranese e della Commissione consultiva per la Toponomastica, presieduta dal sindaco Gianni Stefano e dall’assessora Laura Parrotta. Che hanno deciso di chiedere aiuto ai cittadini. Tutti coloro che hanno proposte da avanzare possono farsi avanti fino al 30 maggio e suggerire un nome alla Commissione. Con delle precisazioni: trattandosi di strade in zona industriale il requisito richiesto è che vi sia una relazione tra la proposta di intitolazione e il mondo dell’imprenditoria, dell’economia o del lavoro. La proposta che riguardi un personaggio deve essere corredata dal curriculum oltre che dalle necessarie motivazioni. La commissione ha stabilito in linea di principio che la deroga ai dieci anni dalla morte, come da normativa in vigore, sarà riservata a casi del tutto eccezionali. “La Commissione ha ritenuto opportuno e utile consultare e ascoltare le proposte della città – ha commentato Stefàno -. Pertanto, chiunque voglia proporre la intitolazione di una strada, fornendo una adeguata motivazione ed eventualmente il curriculum del personaggio, può farlo entro la fine di maggio. Chiaramente trattandosi di strade in zona industriale si chiede che le segnalazioni abbiano attinenza col mondo del lavoro e dell’imprenditoria. Riteniamo in questo modo di fare un lavoro partecipato e condiviso e di rendere il cittadino parte attiva delle scelte amministrative che interessano la città”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!