Gentile: ‘Presto una legge regionale contro il femminicidio’

Bari. L’assessora al Welfare annuncia la volontà di compiere un concreto passo in avanti verso la tutela delle donne

BARI – Tante iniziative fino ad oggi. Ma serve fare di più: serve una legge contro il femminicidio. E’ l’assessora alla Salute ed al Welfare della Regione Puglia Elena Gentile ad annunciare la volontà di Via Capruzzi di fare un ulteriore passo in avanti verso la tutela delle donne. “In questi anni – ha dichiarato l’assessora – abbiamo lavorato per realizzare sull'intero territorio regionale la rete dei servizi di sostegno alle donne vittime di violenza. Abbiamo messo a valore l'impegno delle tante associazioni di donne che nel silenzio e tra tante difficoltà, hanno tessuto una rete silenziosa ma efficace, insomma un presidio di civiltà, per contrastare la barbarie della violenza nei confronti delle donne per offrire loro un’ancora di salvezza, un luogo dove elaborare il lutto ma anche per ricostruire il proprio progetto di vita. La Regione ha pianificato gli interventi anche attraverso la sensibilizzazione e la responsabilizzazione degli enti locali chiamati a realizzare servizi di presa in carico delle vite delle donne. Ora vogliamo fare entrare a pieno titolo nella discussione che oggi vede finalmente crescere la consapevolezza che si possa e si debba fare di più”. Gentile ha così annunciato di voler avviare un percorso condiviso con le associazioni delle donne , con le animatrici dei centri antiviolenza e delle case rifugio, con gli operatori del sociale, della sanità e con chiunque intenda contribuire alla costruzione di una Legge regionale “che anticipi – ha precisato l’assessora -nei contenuti la convenzione di Istanbul che il governo italiano tarda a recepire”. Sulla questione il 21 maggio alle 11.30 sarà convocato un incontro pubblico aperto alla stampa. Articolo correlato: Femminicidio. Le azioni della Puglia per contrastarlo

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!