Sipario per la Stagione sinfonica di primavera

Lecce e Brindisi. L’Orchestra Tito Schipa saluta il pubblico con un omaggio a Piero Milesi il 10 e 11 maggio

Un incontro fra la musica sinfonica e la musica popolare in omaggio a Piero Milesi. Questo il programma previsto per il doppio appuntamento che chiude la Stagione Sinfonica di Primavera dell’Orchestra Tito Schipa – firmata dal compositore salentino Ivan Fedele – che si terrà venerdì 10 maggio, ai Cantieri Koreja di Lecce e sabato 11 al Nuovo Teatro Verdi di Brindisi (inizio ore 21, ingresso 10 euro, ridotto 8 euro). L’Orchestra Schipa, diretta per la seconda volta quest’anno, dopo “Zazie”, da Pasquale Corrado, eseguirà musiche di Milesi e Fedele stesso. Il programma si apre con «Le voci della terra. Movimenti per orchestra», composizione del 2001 di Milesi, scomparso nel 2011, arrangiatore e produttore di «Anime salve», ultimo capolavoro di Fabrizio De André. La partitura prende l’inedita forma di “pizzica sinfonica” e venne eseguita per la prima volta il 18 agosto 2001 nel concertone di Melpignano dai musicisti dell’Orchestra Schipa e dell’Ensemble Notte della Taranta. Una composizione costruita sui temi di alcuni “classici” della tradizione musicale salentina e caratterizzata da un uso insolito dell’orchestrazione. Seguiranno le «Folkdances» di Fedele, composte nell’idea di coniugare il suono di uno strumento etnico con quello di un’orchestra sinfonica. Il compositore assimila e ripensa con finezza ritmi dei rituali popolari, come quello della pizzica in «Artéteka», che vede protagonista la tammorra, tamburello a sonagli tipico dell’antica tradizione popolare. In «Txalaparta», invece, gli interpreti percuotono con energia ritmica le assi di legno dell’omonimo strumento popolare basco traendone sonorità dai colori suggestivi. L’opera sarà eseguita in prima assoluta nella versione per due marimbaphone pensata proprio per l’Orchestra Schipa. Info e biglietti concerto Lecce: Cantieri Koreja (tel. 0832 240752). Info e biglietto concerto Brindisi: Teatro Verdi (tel. 0831.229230).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!