Libera: ‘Contro la mafia, una legge anticorruzione’

La petizione dell’associazione presieduta da don Luigi Ciotti chiede al nuovo Parlamento una legge più incisiva

Combattere la mafia, partendo dalla politica. Chiedendo cioè ai politici di sottoscrivere cinque impegni stringenti anticorruzione. E’ la campagna “Riparte il futuro” indetta dall’associazione Libera contro le mafie che al nuovo Parlamento chiede una nuova e più incisiva legge anticorruzione. “Se la mafia è la peste – ha dichiarato il presidente di Libera, don Luigi Ciotti – la corruzione è il suo agente, il parassita che divora le risorse economiche e morali di una democrazia”. Libera chiede una legge che ripristini il falso in bilancio, introduca il reato dell’autoriciclaggio, impedisca il conflitto d’interessi e bonifichi le “zone grigie” tra mafie e parti della politica con una revisione della normativa sul voto di scambio. La petizione ha già raccolto 180mila firme ma va spinta il più possibile soprattutto per sensibilizzare le coscienze a non arrendersi. “L’uscita dalla crisi non può realizzarsi solo con norme economiche – ha aggiunto don Ciotti -. Occorre, prima, una generale assunzione di responsabilità. Perché le leggi sono scritte, prima che nei codici, nelle coscienze. E un Paese che dica no alla corruzione è un Paese consapevole, che crede nella libertà e dignità dei suoi cittadini e che vuole dalla politica non giochi di potere ma servizio al bene comune”. Qui il testo della petizione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment